Governo Renzi, quanti compromessi potrebbe dover accettare?

La giornata di ieri è stata decisamente travagliata per il Governo. Due le questioni fondamentali, da un lato il congresso nazionale della CGIL di Rimini dall’altro il voto in commissione sulla riforma del Senato (per approfondimenti link Unita.it, Ansa.it).

Riguardo alla riforma del Senato dopo una prima vittoria doll’ OdG proposto da Calderoli con una vittoria di 15 a 13, tra cui spiccano il voto favorevole dell’esponente della maggioranza di Governo Mauro e l’assenza del Senatore PD Mineo, passa in tarda serata la proposta del Governo per 17 a 10 con il decisivo appoggio, precedentemente negato, della forza di opposizione FI. Il testo base del Governo passa una prima approvazione, ma il percorso per la riforma del Senato è ancora lungo e sono possibili modifiche a questo punto mai scontate.

Aria di tensione si continua a respirare anche tra sindacati, in particolare, CGIL e CISL, e Governo accusato di escludere totalmente ogni forma di concertazione e di arrogarsi l’epiteto di innovatore semplicemente perché in opposizione con le sigle sindacali. Il tema centrale è indubbiamente la riforma del lavoro accusata di aumentare precarietà  e non garantire adeguati diritti ai lavoratori senza peraltro contribuire ad abbassare il livello di disoccupazione.

Se nei confronti dei sindacati e della Camusso, con la quale potrebbero sussistere pregresse ingerenze interne al PD, il Premier ed il Ministro Poletti possono dire che verranno ascoltati ma poi il Governo deciderà in autonomia la propria strada secondo quello che ritiene essere il bene per il paese altrettanto non può essere fatto nelle varie commissioni dove le votazioni sulle riforme non sembrano avere numeri sempre sufficienti.

Riguardo all’argomento lavoro va sottolineato che in passato è innegabile che i sindacati abbiano in certe situazioni prediletto la tutela di diritti acquisiti ed effettivamente ormai fuori tempo e luogo e si siano opposti ad una sostanziale innovazione del concetto di lavoro e di industria che avrebbe dovuto essere affrontato già da tempo, senza ovviamente venire meno ai diritti dei lavoratori; diritti che, pur senza riduzioni, potrebbero necessariamente dover essere adattati (ripeto non diminuiti) alle nuove contingenze macro economiche. Tale rigidità è stata un parziale contributo, assieme alle ben più importanti assenza di una politica industriale concreta dei precedenti Governi e crisi mondiale, all’accrescimento del livello di disoccupazione. D’altro canto è condivisibile anche la richiesta avanzata dalle sigle sindacali di una politica industriale, economica (ed aggiungo monetari esulando dal perimetro del Governo italiano), che supporti la creazione di posti di lavoro e quindi la ripresa economica.

Considerando lo scenario macroeconomico e le sue evoluzioni appare chiaro che siano necessarie sia una chiara e lungimirante (ossia in grado di interpretare scenari di medio e lungo periodo non escludendo eventuali adattamenti in corso dovuti ai rapidi cambiamenti economico, sociali, geopolitici e tecnologici a cui dovremo sempre più abituarci) politica industriale così come un’impalcatura legislativa e normativa che supporti la creazione di posti di lavoro, la riqualificazione dei lavoratori, la flessibilità, la formazione, i nuovi modelli e settori economici e la sostenibilità rispetto ad ammortizzatori sociali e tutele.

Tornando ai numeri dell’Esecutivo, come testimoniato dalla votazione sul Senato, sembra proprio che la strada delle riforme sia lastricata di difficoltà poiché sono presenti frange interne al PD, frange interne al Governo ed una opposizione con potere determinante. Ogni commissione, ogni emendamento, ogni OdG, ogni proposta di modifica sarà una forca caudina non tanto per il Governo che non ha una linea ben definita e condivisa da tutti membri, quanto per il Premier Matteo Renzi e per la sua idea finale di assetto istituzionale. Inoltre quando sarà il momento di riformare le PA o aggredire quei privilegi che Renzi ha detto di voler scalfire, i giochi si faranno ancora più duri e serrati in quanto in certi casi ad avere voce in capitolo su alcune riforme sono proprio coloro i quali vengono penalizzati dalle stesse. Per giunta l’azione di certi gruppi di potere derivanti dalla politica delle conoscenze e delle relazioni (e non centra nulla l’attività di Lobbying sulla quale è stato gettato fin troppo discredito “link: distorsione mdiati ca delle lobby) agiscono in modo non ufficiale lungi dunque dall’essere chiaramente individuati.

Certamente scontro serrato vi sarà anche sul testo della riforma del lavoro, e vi sarà anche all’interno del PD, dove il sindacato è presente così come lo è nella commissione lavoro, oltre che con l’alleato di Governo NCD, con FI, col M5S e con Scelta Civica.

Del tutto personalmente, alla luce delle voci poi immediatamente smentite secondo le quali eventuali bocciature del testo base del Governo sul Senato avrebbero comportato le dimissioni del Ministro Boschi e dello stesso Renzi e considerando le dichiarazioni del Premier che sarebbe pronto a dimettersi in ogni momento qualora non riuscisse a completare quanto promesso, ritengo che il processo di riforme possa riuscire ad andare avanti mosso dalla credibilità europea e mondiale in gioco, dal timore di ripercussioni finanziarie sui mercati ([link] che a dire il vero sono mossi da variabili ben più ampie rispetto alle politiche interne italiane), dall’interesse di molti investitori internazionali che in questa fase sembrano pronti ad investire in Italia a patto del completamento di un sostanziale pacchetto di riforme e di una stabilità politica fino a qui sempre in dubbio e che ha portato a sfare e disfare quanto fatto in precedenza rendendo ogni certezza ed ogni piano industriale, fondamentale per coloro che vogliono investire, inconsistenti.

La domanda centrale però è: a che prezzo si potrà andare avanti? Quali compromessi, non tanto il variegato Governo quanto lo stesso Renzi, dovrà accettare? I risultati e quindi l’impatto sui cittadini, lo shock economico necessario, il radicale cambiamento della PA, la riduzione delle spese e dei privilegi, quanto si discosteranno da quello che il Premier aveva in mente? Quanto potranno essere ignorate e superate le burocrazie, le tecnocrazie e tutte quelle realtà particolari che influiscono indirettamente sulle scelte politiche e per le quali la conservazione del sistema in essere è fonte di guadagno?

A priori non è possibile rispondere a queste domande e c’è da stare certi che il percorso sarà lungo, duro e non privo di colpi di scena tanto da far sorgere un’ultima e dirimente domanda:

Non dovrebbe forse il Premier pensare se e quanto potrebbero essere utili eventuali elezioni anticipate dove mettere in gioco non tanto la vittoria, quanto una ampia vittoria, testimonianza di un paese che sarebbe davvero dalla sua parte e del quale tutti i partiti dovrebbero a quel punto prendere atto, tale da rendere possibile la sostituzione delle “imperiture” burocrazie e tecnocrazie bloccanti e conservatrici nonché la creazione di un governo non di compromesso ed avente i numeri affinché i propri piani e le proprie idee possano essere messe in atto senza subire distorsioni e snaturamenti? 

Link correlati:

Renzi al Qurinale. Il processo riformatore che deve coinvolgere l’Italia e l’Europa. 26/04/2014

I dettagli del DL lavoro possono risolvere i problemi occupazionali? 24/04/2014

L’ora ics un inizio, effettivamente perfettibile, ma mai intrapreso prima 19/04/2014

La revisione normativa può rilanciare il lavoro solo assieme ad interventi economici 02/04/2014

Il Governo ed i nuovi Ministri:  forse qualche compromesso ma di certo tanto duro lavoro da fare 23/02/2014

Termini Imerese e Mastrapasqua: ritardi cronici ed endemica perdita di denaro e competitività 02/02/2014

Letta, Squinzi ed il tempo già scaduto da molto 04/02/2014

Volontà di cambiamento? 16/01/2014

Fine anno, tutti con Napolitano. Quindi da domani si cambia? 01/01/2014

07/05/2014
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Annunci

8 Risposte

  1. […] e non garantisce a Renzi la libertà di manovra che un Governo proprio invece assicurerebbe (Link: Governo Renzi e compromessi). Risultati importanti ed iniziali di un viatico virtuoso sono stati conseguiti, come gli 80 euro, […]

  2. […] le burocrazie e le tecnocrazie da sconfiggere, i loro poteri da escludere (tanto che si scrisse: Governo Renzi, quanti compromessi potrebbe dover accettare? 07/05/14), inoltre il governo rimane sempre e comunque di compromesso e nelle posizioni apicali (politiche e […]

  3. […] el resto si disse tempo fa che il governo avrebbe avuto vita difficilissima dovendo sottostare a molti compromessi: Governo Renzi, quanti compromessi potrebbe dover accettare? 07-05-14 […]

  4. […] Link Correlati (e ve ne sono molti altri…): Invettiva verso un atteggiamento che in Italia tutto ostacola 30/07/14 Bonus Irpef strutturale, ma in uno scenario plumbeo 18/07/14 Fiducia dei consumatori: “sentiment” che attende di essere confermato 29/04/14 Volontà di cambiamento? 16/01/14 L’Italia: una casa diroccata nonostante alcuni buoni intenti condivisi 01/12/13 Rafforzare il governo, riempire la bisaccia, cambiare marcia in Italia ed in Europa:  settimana decisiva, che non sia una delle tante 09/02/14 Cuneo fiscale: solo un primo e piccolissimo passo 07/10/13 Scenari Italo-Europei: riformare e cooperare per sopravvivere 04/05/13 L’ora ics un inizio, effettivamente perfettibile, ma mai intrapreso prima 19/04/14 Governo Renzi, quanti compromessi potrebbe dover accettare? 07/05/14 […]

  5. […] di Governo si rimanda alle riflessioni già fatte ( Link: 06/09/14 Renzi – Cernobbio – Link: 07/05/14 Governo Renzi e compromessi ). Una volontà politica che andrà senza dubbio a penalizzare classi, ceti e tecno-burocrazie […]

  6. […] nulla è per sempre L’ora ics un inizio, effettivamente perfettibile, ma mai intrapreso prima Governo Renzi, quanti compromessi potrebbe dover accettare? Riforme come quella del Senato sono importantissime; proviamo però ad inserirle in un ragionamento […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: