I pilastri dell’ Europa unita “lavoro e crescita” nell’agenda di Van Rompuy

Europa Le scena europea in questi giorni è dominata dalla questione delle nomine che porteranno nuove  figure sulle più altre poltrone istituzionali europee. La scelta sulla figura del Presidente della  Commissione dovrebbe ricadere sul Popolare Juncker, mentre è probabile una riconferma di  Schulz all’Europarlamento. Quella di Juncker alla presidenza è una scelta che, mediata dalla  eventuale riconferma di Schulz e dal lavoro congiunto sui programmi all’insegna della crescita,  della competitività e non del solo rigore, condivisa in ultimo anche dal Cancelliere Merkel, ma non  dal Premier britannico Cameron che vorrebbe essere messo ufficialmente in minoranza tramite  voto, cosa mai accaduta precedentemente quando il Presidente di Commissione è sempre stato  eletto all’unanimità.

Proprio nel pomeriggio, secondo alcuni media, il Presidente del Consiglio EU uscente, Herman Van Rompuy, nella sua vesta da mediatore, avrebbe redatto una lettera intitolata “Agenda strategica in tempi di cambiamento” che fungerebbe da programma ed agenda delle priorità per la ventura commissione e per il suo successore. Non si possono non condividere i due punti cardine del documento, vale a dire la crescita ed il lavoro.

Il fatto però di dover rimarcare questi due valori ad un punto in cui ormai driver dell’Unione dovrebbero essere ben chiari e condivisi, testimonia come nel tempo si siano totalmente perse di vista le priorità ed i concetti fondanti sotto l’egida dei quali l’Europa nacque. Le cause che hanno portato a questa deriva possono essere riscontrate in politiche errate, poco lungimiranti o troppo rivolte a particolarismi degli stati più virtuosi indubbiamente forti di un’influenza maggiore sui policy makers di Bruxelles e Strasburgo, senza comunque dimenticare le situazioni contingenti relative crisi nata dagli USA e propagatasi nel nostro continente nel quale, come un virus, ha mutato il suo DNA trasformandosi da principalmente finanziaria a sistemica.

Gli obiettivi primi dell’Europa erano quelli della pace, della protezione e della prosperità. A ben vedere, senza comunque sminuire in alcun modo gli indubbi importantissimi risultati ottenuti, questi tre principi sono stati seguiti solo molto parzialmente.

La pace in Europa è di certo presente e senza Unione forse sarebbe stata più difficile, ma appena si sposta l’attenzione verso est o ancor peggio verso le sponde del mediterraneo o del medio oriente che solo per geografia europee non sono, ma che non possono rappresentarne una propaggine, la situazione cambia e si hanno quotidianamente di fronte instabilità costante ed episodi di cruda violenza.

La protezione è ostaggio dell’assenza di una politica estera e militare comune e condivisa, lacuna messa alla luce pesantemente ogni qual volta si presentano i frequenti episodi di immigrazione così come nella gestione della crisi Ucraina.

La prosperità, il benessere ed il miglioramento costante delle condizioni di vita da qualche anno a questa parte mancato totalmente ed è sotto questo termine che ricadono i concetti di crescita e lavoro rammentati nel documento del Presidente del Consiglio uscente.

Il documento di Van Rompuy quindi potrebbe non essere nient’altro che un riconsiderare i vecchi valori e, in modo forse non totalmente esplicito, prendere umilmente atto degli errori fatti così da cercare di rimediarli nel minor tempo possibile, con la consapevolezza che l’Europa collaborativa, unita, sinergica ed allineata è fondamentale per raggiungerli, ma anche che tutti gli sbagli insistiti si sono pagati e si continueranno ancora per un tempo discretamente lungo a pagarli a caro prezzo.

22/06/2014
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: