Archivi Mensili: marzo 2015

Crescono i contratti a tempo indeterminato, ma l’industria frena. Quale nesso esiste??

“Sono dati davvero sorprendenti che mostrano una crescita a doppia cifra!”, ed ancora: “è  un giorno importante, segnale dell’Italia che riparte!”.

Così, col tipico entusiasmo, il Premier Renzi ha commentato i dati emessi dal Ministero del Lavoro di Giuliano Poletti relativamente ai nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato per i primi due mesi del 2015. Le cifre diramate dal Dicastero fanno segnare rispetto allo stesso periodo 2014 un incremento del 38.4% pari a circa 79’000 contratti.

Ad una prima lettura pare un dato molto positivo e non c’è dubbio che lo sia, ma a ricollocare i puntini sulle “i” ci pensa immediatamente lo stesso Ministro del lavoro che fa notare come in realtà non sia possibile stabilire se si tratti di nuovi contratti o trasformazione di contratti a tempo determinato o collaborazioni già in essere.

Molto probabilmente a spingere le aziende alla stipulazione di contratti a tempo indeterminato sono stati gli sgravi fiscali inseriti nella legge di stabilità 2015 che prevede la decontribuzione triennale e lo sgravio permanente dell’Irap per i datori di lavoro, mentre, nonostante spesso anche addetti ai lavori e politici direttamente interessati facciano dichiarazioni confusionarie in modo più o meno deliberato, non è ancora possibile riferire tale risultato agli effetti del Jobs Act entrato in vigore appena da pochi giorni.

Secondo esperti del diritto del lavoro ed analisti del settore le trasformazioni da vecchi contratti a tempo determinato o le regolarizzazioni di collaborazioni pre-esistenti arriverebbero almeno all’80% non introducendo pertanto nuovi posti di lavoro o occupati di nuovo corso. In taluni casi potrebbe addirittura trattarsi di cessazioni di vecchi rapporti, la cui regolarizzazione non comporterebbe benefici per circostanze particolari, sostituiti con assunzione a tempo indeterminato.

Analizzando il contesto ed altri dati che sono stati diramati dall’ISTAT quasi in contemporanea rispetto a quelli del Ministero del Lavoro, si può a ragione supporre che la stima degli analisti sia corretta, ridimensionando così l’entusiasmo dell’Esecutivo.
Per correttezza si deve partire dal presupposto che per coloro ai quali è stato trasformato in rapporto a tempo indeterminato un precedente contratto a termine, precario o che sono stati assunti, magari in sostituzione ad altre figure che non avrebbero dato acceso agli sgravi per l’azienda datrice, la notizia non è solo buona, bensì esaltante e dà loro una differente e più rosea prospettiva del futuro. Ciò è giusto e va compreso, così come va effettivamente preso atto che lo “swap” di contratto, in assenza del provvedimento che ha introdotto gli sgravi, con tutta probabilità non sarebbe mai avvenuto.
Precisato doverosamente quanto alle righe precedenti, quello che porta ad essere più realisti rispetto alla frenetica gioia, che pure rimane per i 79’000 coinvolti, risiede innanzi tutto nel fatto che il confronto statistico è con un periodo, i primi mesi del 2014, in cui venne toccato il picco massimo della disoccupazione e quindi la stipula di contratti, a maggior ragione se a tempo indeterminato, raggiunse i minimi storici. In tal senso il +38.4% può essere in parte dovuto a quello che in gergo finanziario si definisce rimbalzo tecnico (esiste anche il rimbalzo del gatto morto, ma si spera non sia questo il caso); inoltre considerando il livello assoluto della disoccupazione, in particolare tra i giovani, i quasi 80’000 nuovi contratti, che non equivalgono matematicamente ad altrettanti nuovi posti di lavoro, rimangono una goccia nel mare.

Un ulteriore elemento foriero di perplessità risiede nelle dinamiche dei consumi e della domanda.
L’Istat ha diramato dati relativi al mese di gennaio 2015 tuttaltro che lusinghieri sulla produzione industriale che indica lo scenario presente in cui si inseriscono le imprese, sul loro fatturato e sugli ordinativi, che invece possono anticipare gli andamenti futuri. Benché vi siano differenze tra i vari settori industriali (molto bene l’auto, male invece la metallurgia), mediamente per la produzione la diminuzione mese su mese è stata dello 0.7%, mentre anno su anno ha fatto registrare un -2.2%; gli ordinativi invece mese su mese sono scesi di ben 3.6 punti percentuali. Ovviamente a risentirne è stato anche il fatturato delle imprese, calato a gennaio dell’1,6% rispetto a dicembre e del 2,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Simili numeri son piuttosto in linea con quanto appurato dal sindacato SPI-CGIL secondo cui i pensionati, la più grande platea del nostro paese e coloro che animano i consumi di massa, ma anche i primi a tagliare le spese se necessario, negli ultimi 5 anni, principalmente a causa del blocco delle rivalutazione del loro assegno mensile, si sono visti decurtare il potere d’acquisto complessivamente di 9.7 miliardi di €, 1’779 € in media a testa.
In effetti anche dalle caritas arrivano informazioni secondo cui le mense gratuite per disagiati sono sempre più foltamente frequentate.
La SPI stima poi che se si verificassero le previsioni BCE sulla crescita dell’inflazione i pensionati rischierebbero di perdere ulteriori 3.6 miliardi di €.
Mai vanno dimenticate poi le clausole di salvaguardia che incombono qualora non si riuscissero a centrare gli obiettivi di bilancio previsti dal DEF 2015, in particolare l’aumento dell’IVA e delle accise che andrebbe a penalizzare ancora una volta i consumi e, secondo alcune stime, causerebbe la perdita di 150’000 posti di lavoro. Proprio per evitare le clausole sta lavorando alacremente il consigliere economico di Renzi, Gutgeld, successore non ufficiale ma de facto di Cottarelli (il cui report dovrebbe essere messo a disposizione a breve assicura Yorem Gutgeld), che conta di poter reperire i circa 10 miliardi necessari operando i tanto attesi tagli alla spesa.

Anche i segnali che arrivano dal Forum di Confcommercio a Cernobbio sono solo parzialmente e timidamente positivi. Le stime del PIL 2015 che oscillano tra il +0.7% del Ministro Boschi ed il +1.1% di Confcommercio non sono tali da invertire la tendenza sulla disoccupazione che inizia a risentire di effetti benefici e con un fisiologico ritardo a partire da 1.5% di crescita. Il Presidente della Comera di Commercio di Milano, Sangalli, vede nell’Expo 2015, che inizierà il primo maggio, una irripetibile opportunità. Anche tale affermazione è teoricamente (e ci auguriamo che lo sia anche fattivamente) vera, ma la realtà delle cose ci porta a riscontrare ritardi (ed annessi episodi di corruzione e tangenti) ed opere che forse non saranno pronte prima di agosto tanto da necessitare di una gara d’appalto suppletiva per il “camouflage” dei cantieri non conclusi. Inoltre la natura dell’esposizione è per definizione straordinaria, non strutturale, ma transitoria come lo sono la maggior parte degli effetti benefici che potrebbe portare all’economia (eventuali buchi da risanare invece sarebbero ben più duraturi nel tempo) quindi è bene non basare stime e previsioni su eventi di simile conformazione.

In questa fase, per quanto possibile analizzare i fatti in modo oggettivo e distaccato, pare che vi sia ancora uno scenario presente e futuro di generale fragilità, con consumi deboli e non tali da innescare il circolo virtuoso che con la domanda riattiva imprese, industria e di conseguenza propensione alla creazione di posti di lavoro. Manca l’ingranaggio iniziale di questo meccanismo, vale a dire il potere d’acquisto che in questo momento può essere dato solo con detassazione e con investimenti pubblici che creino loro stessi posti di lavoro e quindi incrementino nel complesso la propensione alla spesa. Difficile pensare dunque che con i due mesi di sgravi fiscali (e da marzo con il Jobs Act), tra l’altro destinati a concludersi, abbiano sbloccato il mercato del lavoro. Servono, come detto, investimenti, detassazione per imprese e privati, serve sbloccare la domanda ed agire anche sul lato dell’offerta.

Del resto è vero che un’impresa non licenzia per il piacere di licenziare solo perché venuto meno l’articolo 18 per i nuovi contratti a tutele crescenti previsti dal Jobs Act, parimenti però non è pensabile che un’azienda assuma se il business non lo giustifica solo per godere del beneficio di tre anni di detassazione.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Annunci

La vittoria di Sarkozy in Francia: esempio solo teorico per il centro destra italiano

La vittoria del Centro Destra (CDX) in Francia ha sicuramente ringalluzzito le file della corrispondete parte politica in Italia.
La prospettiva si emulare Sarkozy ottenendo, in coalizione, il miglior risultato nel paese sta portando il centro destra italiano a discutere e riconsiderare vecchie alleanze che con i nuovi rapporti di forza susseguenti all’ingresso di Renzi all’esecutivo sembravano aver perduto lo storico assetto.
NCD e FI allontanatisi quasi in malo modo, paiono aperte a prospettive di riavvicinamento per tentare il fronte comune contro il partito di Renzi. Del resto la naturale orbita dei partiti di Berlusconi e di Alfano è il PPE europeo e ciò nonostante qualche critica all’atteggiamento dell’UE mossa dallo stesso Berlusconi, che però non è voce solitaria all’interno del panorama politico europeo: pur limitandoci a considerare i partiti non di rottura e non di netto stampo anti-UE critiche sono pervenute, entro i confini nazionali poiché l’atteggiamento a Bruxelles è molto più malleabile, persino dal Premier. Il discorso è differente andando ad analizzare la posizione di quella che una volta era la Lega Nord, storico alleato di Forza Italia e grazie alla quale FI ha potuto conseguire le sue vittorie a livello nazionale, ora divenuta il parito di Salvini (come quello che rimane del PD è di fatto il partito di Renzi) dalle aspirazioni, più che ambiziose e complesse da realizzare, nazionali. L’attuale Lega, imboccando le direttrici marcatamente anti-UE ed in certe circostanze Xenofobe dettate da Marine Le Pen in Franca con FN, ha ripudiato pubblicamente l’NCD di Alfano, e con esso il PPE di Juncker, accusato di essere succube del Governo e soprattutto dei diktat di Bruxelles. Salvini dunque mantiene aperta la possibilità di dialogo con FI condizionandola all’esclusione di Alfano ed alla discussione su alcuni provvedimenti del Governo a cui la Lega vorrebbe opporsi, in particolare relativi alla legge sulle pensioni, al jobs act, all’immigrazione ed ai provvedimenti fiscali.

In linea del tutto teorica, considerando la natura spiccatamente di centro destra dell’elettorato italiano, pensare che una grande coalizione di CDX possa complicare la vita a Renzi e suo PD nelle prossime elezioni è sensata e verosimile, ma la situazione reale rispetto a quella teorica è molto più complessa e frastagliata e lo è anche in relazione a quello che è il contesto francese che ha portato Sarkozy e la sua coalizione alla vittoria.

Innanzi tutto Sarkozy ha vinto con alle spalle un’alleanza piuttosto determinata a conseguire il successo elettorale e formata dal suo partito, UMP, e dai democratici liberali dell’UDI, ottenendo così il 29.51%. La coalizione è stata determinante perché FN delle Le Pen ha conseguito il 24.9% risultando il primo partito.
In Italia la situazione del CDX è molto più farraginosa. Laga e NCD non rientreranno mai nella medesima coalizione, quindi FI, qualora volesse perseguire l’obiettivo di una riunificazione della destra dovrà ad un certo punto operare una scelta. Quella più conveniente a livello numerico sembrerebbe la Lega, ma così facendo dovrebbe modificare molte delle sue politiche assumendo uno stampo decisamente avverso all’Europa, fino a poter sostenere un referendum (illegittimo per quel che dice la costituzione europea) sull’Euro. Non sarebbe più l’unione dei moderati di cui parla spesso Berlusconi (ed Alfano), ma di un partito di destra che non disdegnerebbe di respingere, soccorrendoli o meno non è chiaro, senza remore i barconi di immigrati alle frontiere. In merito al possibile riorientamento delle politiche di partito va detto che è stato un cavallo di battaglia proprio di Sarkozy che ha vinto modificando il suo programma sulla falsariga di quello di FN. Ciò dimostra che siamo in un momento storico dove sono l’estremismo ed un certo sentimento anti-UE ad animare un gran numero di elettori europei, indifferentemente dallo Stato di appartenenza, ma dimostra anche che il volto noto e rassicurante è preferito a quello identificato dall’opinione pubblica come di netta rottura del dialogo con l’Europa ed emblema dell’estremismo, quasi che si volesse mantenere la coscienza pulita. In tal senso Berlusconi potrebbe essere il “rassicuratore paterno” e Salvini scrivere il programma che indubbiamente ha attecchito nell’elettorato ed ha raccolto anche qualche adesione da elettori delusi del M5S. Contro Salvini rimane sempre il peccato originale di aver già fatto parte del governo senza aver realizzato quanto ora proposto e le difficoltà nell’affermarsi al sud dove sta cercando di redimersi, spostando il sud sempre più a sud verso medio oriente ed Africa, con tour e dichiarazioni di vicinanza che sicuramente fanno rabbrividire il “Senatur” Bossi.
Altro problema interno a FI e Lega è la loro attuale divisione in fazioni. Ambedue sono animati da dissidi interi, in FI c’è la lotta tra il duo Toti-Berlusconi e Fitto che si candiderà, contravvenendo alla linea, in Puglia alle prossime regionali, mentre nella Lega domina lo scontro Salvini-Zaia versus Tosi per la candidatura alla regione Veneto, roccaforte leghista.

È poi doveroso considerare la consistenza degli avversari. In Francia da una parte è presente la Le Pen, fortissima, quotatissima, carismatica e determinata, ma un volto netto, “tranchant”, estremo e che può incutere timore nei più dubbiosi, i quali potrebbero aver preferito il più conosciuto e rassicurante Sarkozy benché abbia fatto sue molte delle proposte di FN. Dall’altra vi è il partito socialista di Hollande che non è Renzi. Il leader francese da tempo è in fondo alle liste di popolarità e la risalita solo temporanea conseguente all’attacco terroristico di Parigi al giornale satirico Charlie Hebdo può essere considerata il moto patriottico dei momenti difficili. Renzi invece è fortissimo, anche se in lieve calo, e sempre il più popolare con ampio vantaggio sui secondi. Le discordie e le critiche interne al suo PD senza però alcun seguito fattivo non fanno altro che fortificarlo rendendo il fiorentino il vero, unico leader del partito di Centro Sinistra che si dimostra sempre più lacunoso di personalità forti e decise. Anche l’evidente debolezza del CDX ha contribuito indiscutibilmente al rafforzamento del Premier che si è presentato carismatico e deciso in un momento ove avversari reali non ve n’erano. Sul piano economico l’Italia viene da una ventennale condizione disastrosa, ed il compito di Renzi, affrontato forse con troppa faciloneria e spavalderia, è titanico; la Francia invece è in una condizione molto difficile, ma nel suo complesso migliore di quella italiana, che è peggiorata proprio con Hollande. Infine il programma di riforme impostato da Renzi, benché abbia mosso in commissione UE qualche critica per la lentezza nell’implementazione, segue i dettami europei (ciò non vuol dire automaticamente che comporterà risultati positivi per i cittadini), il parametro deficit/PIL è stato rispettato (anche se è stato posticipato il percorso della sua riduzione) cosa che non è avvenuta in modo quasi unilaterale a Parigi che ha deciso di infrangerlo palesemente.

Quello francese è un esempio solo del tutto teorico per il CDX italiano che, pur avendo qualche possibilità, non può illudersi che sia sufficiente unire due partiti sotto uno stesso simbolo per recuperare il mare magnum di elettori perduti e adirati con coloro che fino ad allora avevano sostenuto e dai quali sono stati delusi. Serve ben altro, un cambiamento ben più radicale.

26/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Interim di Renzi al MIT in attesa del nuovo Ministro per un dicastero importante per crescita ed investimenti

Lupi-RenziLe dimissioni da Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) di Maurizio Lupi, dirigente e probabilmente futuro capogruppo del NCD nonché membro di spicco del movimento Comunione e Liberazione (CL), sono arrivate ufficialmente. L’ormai ex Ministro, non indagato ed innocente fino a prova contraria, a 72 ore, e non 72 giorni come ha tenuto a precisare durante la sua informativa alla Camera, dalla pubblicazione dei fatti relativi alle tangenti ed ai favoritismi nell’ambito della costruzione del tratto fiorentino della TAV che vedono coinvolti super burocrati della commissioni tecniche del MIT (Ercole Incalza è il protagonista indiscusso dello scandalo assieme all’ingegner Perotti) e super manager pubblici e privati rispetto ai quali vi è stata vicinanza con i Lupi padre e figlio, ha rassegnato, dandone comunicazione alla Camera, le proprie dimissioni. Certamente la decisione è stata partorita da un ragionamento strettamente personale, ma tenendo in conto anche le sicure pressioni del Premier che non potevano essere pubbliche per evitare di sentenziare contro un membro, in un certo senso scomodo, del partito alleato di Governo ma non facente parte del suo giglio magico e per scongiurare polemiche sulla sua tendenza accentratrice e volontà di colonizzare ogni posizione di Governo e di prestigio senza aver vinto elezioni governative. Inoltre il Premier avrebbe dovuto sopportare velenose critiche sul fatto di aver voluto pubblicamente la cacciata di Lupi quando alcuni membri (Commissari o Sottosegretari) del suo Governo sono a tutti gli effetti al centro di indagini. Le dimissioni di Lupi, accolte con plauso da Renzi impegnato a Bruxelles, hanno allontanato i rischi e consentito al Premier, dal suo punto d’osservazione, di poter rafforzare ulteriormente l’Esecutivo (vedremo se ed in che modo ci riuscirà). Renzi ha tenuto a precisare che le dimissioni sono state opportune e sagge, ma nè dovute e nè obbligate (volontarietà confermata anche da Lupi). Il motto di Renzi e renziani in questo frangente è che per dare le dimissioni da una posizione di potere non è necessaria una indagine a proprio carico, ma basta l’opportunità politica di una scelta errata, viceversa, il fatto di essere indagati non implica automaticamente che debbano essere rassegnate le dimissioni; con questo, che pare quasi uno scioglilingua, Renzi e i suoi porgono i loro encomi alla scelta dell’ex titolare del MIT e giustificano eventuali indagati tuttora in carica.

Pur non sussistendo reato, dopo il Rolex da 10’000 € regalato da Incalza per la laurea di Luca Lupi, alcuni capi d’abbigliamento, la telefonata di Maurizio Lupi allo stesso incalza l’8 gennaio 2014 e la successiva assunzione di Luca (pare dietro un salario di 2’000 € lordi al mese, quindi certamente non spropositato) presso un cantiere su cui la coppia Perotti – Incalza avevano influenza, la posizione di Lupi senior risultava oggettivamente non più sostenibile nè difendibile. Per un politico vi è la questione dell’opportunità, del buon esempio etico-morale e del rispetto delle pari possibilità tra gente comune (che in questo paese rischia sempre più di sentirsi quasi marmaglia) ed élite politico-dirigenziale di poter emergere. In Italia del resto il concetto di “conflitto di interessi” è molto più lasco rispetto all’Europa, ormai siamo quasi pericolosamente assuefatti ai meccanismi clientelari. In qualsiasi altro paese non sarebbe stato normale che un amico quindicennale (Perotti) di una persona poi divenuta Ministro delle Infrastrutture e dei i Trasporti (Lupi), avesse una importante azienda di costruzioni, facesse regali alla famiglia del Ministro e vincesse tutte le gare per le maggiori opere pubbliche. Nel bel paese invece, non che sia la norma, ma capita sovente ed è ben tollerato dall’opinione pubblica… del resto l’amicizia è l’amicizia, ed un amico e per sempre (soprattutto se regala che so, un diamante).

Purtroppo questa vicenda riporta in auge oltre che gli scandali, il vizio della mazzetta e dell’approntamento degli appalti, anche quel meccanismo silente, in vigore da talmente tanto tempo da essere divenuto quali rassegnatamente accettato dalla popolazione, della relazione, delle conoscenze e del castismo quasi settario che permea ogni settore dell’economia, della finanza, del lavoro inteso come ingresso, progressione ed assunzione di posizioni apicali presso aziende sia pubbliche, sia partecipate parzialmente dallo Stato, sia totalmente private (principalmente grandi realtà che a mezzo di favori a personaggi di spicco potrebbero avere in cambio vantaggi che vanno da leggi favorevoli, a controlli più blandi ecc). Della possibilità, o per meglio dire non possibilità, di crescita sociale in Italia con conseguente incremento del divario economico-sociale, solo per citare gli ultimi due episodi, si era già parlato in occasione dell’affare Cancellieri – Ligresti e per lo scandalo Expo 2015 (nel quale, ora si scopre, essere coinvolto lo stesso Incalza).

La defezione in un ministro importate come il MIT da spazio a Renzi, che nel frattempo (che sarà poco precisa Renzi) ne ha ha assunto la carica ad interim, per fortificare ulteriormente la sua posizione, inserendo una nuova pedina a lui vicina all’interno dell’Esecutivo che piano piano sta diventando totalmente renziano. I nomi che si sentono più insistentemente, mantenendo costantemente alta l’attenzione perché in queste occasioni gli outsider sono sempre possibile, sono il renziano Luca Lotti, il sottosegretario Graziano Del Rio, il commissario anticorruzione Raffaele Cantone, l’AD Finmeccanica Mauro Moretti ed anche il PM Gratteri. Le posizioni da Ministro potrebbero addirittura essere due perché non è stata scartata l’ipotesi di una scissione tra infrastrutture e trasporti, dando i natali a due dicasteri separati, come un tempo lo fu già stato. Inoltre è possibile un movimento interno ai ministeri che necessiterà di un successivo e più ampio rimpasto di Governo.

Il MIT è un dicastero fondamentale soprattutto in un momento economico come quello che stiamo vivendo. La vicinanza all’EXPO (che ci mette al centro dei riflettori mondiali) ed al Giubileo sono solamente due elementi di indiscusso impatto, ma non quelli centrali.

Ciò che va considerato è che il MIT è responsabile di quelle infrastrutture verso le quali dovrebbero essere convogliati gli investimenti sia provenienti da Bruxelles (inclusi quelli del piano Juncker) sia nazionali, sia pubblici che privati, al momento deficitari in Italia ed Europa che dovrebbero fornire nuove opportunità di occupazione, spinta all’economia ed al mercato del lavoro, rendendo più strutturali quei segnali di ripresa che a margine dell’Eurogruppo lo stesso Presidente della Commissione UE Juncker ha ribadito essere non ancora strutturali a livello Europeo (e l’Italia dell’UE è il fanalino di coda). Ricordiamo che gli investimenti infrastrutturali sono stati una componente importante per il rilancio statunitense. Oltre a ciò non va mai dimenticata la necessità impellente del nostro paese di nuove infrastrutture, come la banda larga che per alcune tipologie di lavori rientra nelle competenze del MIT, e dell’aggiornamento di quelle esistente così come un più stringente e severo monitoraggio dei costi ed applicazione delle norme esistenti per evitare scandali, appalti gonfiati e gare truccate che afferiscono al perimetro degli sprechi i quali vanno ad incrementare quella spesa pubblica, zavorra dei conti pubblici che l’Europa ha intimato più volte di tagliare a mezzo della celeberrima spending review ad oggi ancora in qualche cassetto ministeriale.

Proprio sul debito è incentrato l’ultimo monito europeo e della BCE che certifica come per Italia e Belgio gli squilibri strutturali e di bilancio siano in aumento. Per quel che riguarda il nostro paese il problema principale rimane il debito che non rispetterà il percorso di rientro concordato e sottoscritto. La spesa pubblica è infatti ulteriormente aumentata nonostante maggiori ingressi fiscali ed il debito ha superato il 132% del PIL contro una stima presente nel DEF consegnato a Bruxelles di circa 128%; fortunatamente uno spread più basso riduce in modo non trascurabile la spesa per interessi.

Il MIT è quindi una funzione fondamentale, perché parimenti alla sanità, dispone di un’enorme ammontare di risorse economiche includendo la possibilità di attingere a fondi europei, ha la possibilità di gestire infrastrutture ed opere ad alto potenziale in termini di ritorno sul lavoro, sulla creazione di indotto, sul PIL e sull’economia in generale (la conclusione di una grande opera può portare fino a qualche punto di PIL); i risultati del MIT sono facilmente valutabili dall’UE; gli sprechi e gli scandali che coinvolgono le infrastrutture sono di grande portata e visibili a tutto il mondo, ormai è noto che 1 Km ferroviario in Italia costa nel migliore dei casi il doppio che in Germania, ma ad esempio nell’indagine Sistema che coinvolge Incalza si sale ben oltre tale percentuale.

Fare in modo che il MIT funzioni correttamente, che vi sia un Ministro competente ed onesto non scelto solo per appartenenza e vicinanza politica e che le commissioni e le burocrazie tecnocratiche, che in certa misura sono necessarie a supportare un dicastero complesso come il MIT, non siano invise dei soliti volti con le mani in pasta ovunque e che lavorano per posizionare persone ed ottenere favori personali e di partito più che per costruire il progresso del paese, è fondamentale. Lo è per l’immagine dell’Italia per il suo sviluppo e per la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nelle singole persone che ne fanno parte. Fiducia comprensibilmente mai stata così bassa che deve essere riconquistata allontanando i sospetti attuali, le vicende del passato e dimostrando fattivamente la volontà di cambiare le persone non meritevoli ed eticamente non probe, le prassi e le procedure così come i metodi e le modalità di lavoro che lasciano spazio a comportamenti viziosi, facendo rispettare controlli, leggi, norme e pene già esistenti.

Link:

  1. L’ Expo 2015 e la credibilità da conquistare 10/05/14
  2. I controlli su Expo 2015 12/05/14
  3. Expo2015, Mose e gli investimenti esteri vanno a picco… 08/06/14

21/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Lavoro ed investimenti, il filo che lega Coalizione Sociale di Landini e l’inchiesta “Sistema”

Il movimento di Landini, Coalizione Sociale, non è ancora nato e nemmeno si sa che obiettivi abbia.

Nonostante la fitta nebbia che ancora l’avvolge, tale iniziativa è già stata misconosciuta da tutte le forze che possono ricondursi alla sinistra eccezion fatta per SEL.
La CGIL non si è sentita di dare appoggio anche solo verbalmente a Landini e la stessa Camusso ha preso posizione contraria rincarando la dichiarazione ufficiale del portavoce nazionale del sindacato.
Il PD ha preso le distanze, e non solo quello renziano che era ovvio si sarebbe contrariato visto l’accantonamento dell’amore tra Premier e Segretario Fiom dei primi minuti al quale ora è preferita di gran lunga la partnership con Marchionne, anche nella sua componente DEM dei vari Civati, Cuperlo, Bersani, Mineo, D’Attorre, Chiti che ormai devono prendere atto di non essere più né influenti né considerati all’interno del partito del quale fanno ancora parte e che taluni di loro hanno contribuito a fondare.
Anche nell’aria DEM del PD le posizioni su come portare avanti i propri valori ed ideali politici di sinistra sono molto differenti: i più moderati facenti capo al nostalgico della ditta ormai inesistente Pierluigi Bersani vorrebbero esercitare dall’interno la loro influenza, mentre l’aria più Civatiana sarebbe anche disposta a valutare la fuoriuscita da un partito oggettivamente agli antipodi rispetto a quello di appena qualche mese fa.

Non c’è dubbio che i tempi cambiano e chi non sa capire il cambiamento ed adattarsi si farà fagocitare da esso subendolo inerme.

Incredibile e sorprendente come nella sinistra non ci sia capacità di unirsi e formare una coalizione politica degna di tale nome e che possa ambire ad un certo seguito, ovviamente a tutto vantaggio degli avversari.

La leva con la quale è stato aperto il vaso di pandora della furia landiniana è stata il lavoro. Strettamente legato al lavoro ed alle battaglie sia sindacali che industriali che della società civile più in generale sono la lotta alla corruzione, le pari opportunità nell’accesso al mondo del lavoro e la meritocrazia per consentire la scalata sociale che negli USA, alimentata dall’ambizione di crescita personale che può trovare riscontro nel sistema a stelle e strisce, è il motore trainante del PIL.
Proprio poche ora dopo la presentazione di “Coalizione Sociale” è emersa una nuova inchiesta “Sistema” riguardante ancora una volta corruzione, tangenti, turbative d’asta e grandi lavori pubblici. Non se ne sentiva di certo il bisogno poiché solo pochi mesi fa sono emersi episodi di corruzioni in merito all’EXPO 2015 su cui siamo osservati e misurati a livello mondiale e sul Mose di Venezia che ha comportato le dimissioni dell’ex sindaco Orsini ed il commissariamento della città. Proprio l’entità del problema ha spinto il Premier Renzi ad istituire un apposito Commissario Speciale anti corruzione: Raffaele Cantone.
L’indagine sistema va a toccare un’opera spesso al centro delle cronache, la TAV e nella fattispecie il tratto nella zona di Firenze. Ad essere coinvolti sono in tutta Italia circa una cinquantina tra manager pubblici, privati e membri delle istituzioni. Il protagonista indiscusso della vicenda è Ettore Incalza, un nome importante, non per il riferimento all’ellenico eroe (tra l’altro in questo periodo meno si ha a che fare col Peloponneso e meglio è), ma perché il settantenne Incalza è un personaggio noto nei palazzi romani, è colui che da decenni gestisce tutti i lavori pubblici, gli appalti e le grandi opere; è passato da governi di destra e sinistra mantenendo la sua posizione di prestigio e collocandosi in vari enti dalla cassa del mezzogiorno, all’amministrazione della TAV fino a divenire capo della Commissione del Ministero delle Infrastrutture. Evidentemente egli possiede una fitta rete di conoscenze e contatti nel mondo privato, pubblico e politico, una influenza enorme che testimonia come la burocrazia-tecnocrazia nascosta e poco presente nelle cronache e negli sguaiati dibattiti politici del quotidiano sia colei che in ultimo spinge ed indirizza le decisioni politiche. I governi restano, ma quelli che in senso spregiativo sono definiti i boiardi di stato invece rimangono e continuano imperterriti la loro azione.
Ad essere rammentati nella vicenda, non indagati, vi sono il Ministro Lupi ed il figlio Luca che avrebbe ricevuto regali e favori, oltre a Lupi, i cui rapporti con Renzi sembrano in via di rottura pur attendendo giustamente l’esito del percorso indagatorio, alcuni giornali fanno il nome di Alfano, ambedue sarebbero stati menzionati durante una telefonata intercettata. Sono poi presenti altri personaggi molto noti nell’ambito delle grandi opere pubbliche, decisamente meno alla cronaca del quotidiano. Per approfondire si rimanda all’articolo dell’agenzia ANSA (Link Ansa).

L’assenza di investimenti sia pubblici che provati rappresenta una piaga per l’Italia, in un certo senso certificata dall’Unione Europea, da Bankitalia e dalla BCE, queste vicende di corruzione e di appalti truccati inficiano la capacità di attirare capitali privati perché la corruzione è una delle peggiori piaghe che potenziali investitori vedono nel nostro paese (lo ricorda anche Nouriel Roubini dal Forum Ambrosetti) e perché i capitali pubblici investiti vengono sprecati e dirottati in mille rivoli di illegalità, col risultato che il costo medio al Km della TAV in Italia risulta, nella migliore delle ipotesi, doppio rispetto a quello di una analoga infrastruttura tedesca. Non è poi raro, come nell’indagine “Sistema” che i rincari una volta individuato il “giusto” appaltatore possano arrivare fino al 40%.

Evidentemente simili aspetti sono strettamente correlati anche al tema del lavoro, in primo luogo le ditte, le aziende e le imprese oneste non sono fin da subito della partita in quanto gli assegnatari dei lavori sono già definiti, viene dunque meno la sana e leale concorrenza e competizione, ed in secondo luogo le persone che sono chiamate a fornire prestazioni all’interno dell’immenso indotto che si crea attorno alle grandi opere non sono scelte con adeguati criteri. Anche l’indagine “Sistema” come le precedenti, mostra un reticolo di promozioni, collocamenti in posizioni più o meno prestigiose, regalie, poltrone create ad hoc o assegnate a persone specifiche andando così a collocare in caselle talvolta chiave non i più meritevoli, ma quelli “del giro” (già si scrisse in merito a ciò una sorta di sfogo: Tangenti Expo 2015 …. amara conferma che per “noi” non c’è spazio) con ulteriore spreco di soldi pubblici ed a tutto discapito dei risultati ottenibili sia nell’immediato e direttamente connessi all’opera in questione, sia nel futuro perché queste persone continueranno ad esercitare il loro potere, ed una volta entrati all’interno di una certa cerchia le trasmigrazioni tipicamente in crescendo verso posizioni sempre più delicate e ben retribuite sono quasi una naturale progressione, perseguitando così a precludere opportunità a coloro che per curriculum o meriti sul campo ne avrebbero diritto.

La corruzione e le pari opportunità nel mondo del lavoro, così come la crescita e l’escalation sociale sono valori cari tanto al sindacato quanto alle imprese e lo dovrebbero essere anche ai cittadini, per realizzare le proprie ambizioni, ed allo stato per conferire al PIL quella ulteriore spinta presente negli USA, che pur nelle contraddizione sussistenti oltre oceano, dal punto di vista delle opportunità è un sistema aperto e lontano dalla caste di illegalità oggettivamente comuni nel nostro paese.

Ciò che fa più indignare è che fatti simili non sono nuovi (scrivemmo in merito ad Expo, Mose e Mafia Capitale svariati pezzi, a fondo pagina i Link) così come non sono sconosciuti a chi è del mestiere i protagonisti che delinquono: anche nell’ambito dell’illecito i loro curriculum sono di “tutto rispetto”, anzi sono stimati e ricercati da coloro che cercano appoggi. Incalza ad esempio è sulla cresta dell’onda almeno dal 1990, e non è nuovo a vicende giudiziarie. Secondo “Il Giornale” il manager è stato processato ed assolto per 14 volte, è stato coinvolto nei lavori di Italia 90, nel G8, nel Mose, in Expo, nella costruzione del porto di Olbia e nella realizzazione dei grandi passanti autostradali come la Salerno Reggio Calabria ed il tratto Orte-Mestre. Nel 1996, Governo Prodi, con Antonio Di Pietro come Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Incalza fu cacciato, segno evidente che il suo operato era noto alla politica e che non servono ulteriori controlli e leggi se si applicano e si fanno rispettare quelle esistenti (come già scritto : I controlli su Expo 2015), salvo poi rientrare nel successivo Esecutivo Berlusconi. Da allora è sempre rimasto al suo posto fino a dicembre 2014 quando, oltre settantenne, non gli fu rinnovato il contratto dal Governo Renzi (forse per via dell’età o forse perché qualche indiscrezione sull’indagine in corso era già trapelata). Alcune voci riportano che attualmente svolga attività di consulenza per il Governo, tesi smentita dal sottosegretario Del Rio. Comunque va fatto presente che “Il Fatto Quotidiano” svariati mesi prima del dicembre 2014 aveva già fatto notare come sarebbe stato opportuno allontanare il manager dai ministeri.

È chiaro, comprensibile e triste come senza risolvere questi problemi non sia possibile lo sviluppo del sistema paese, l’attrazione di investimenti e la crescita delle persone, vero capitale umano su cui puntare per la ripresa economica e per la creazione di quel nuovo paradigma fatto di sostenibilità ambientale, umana ed economica che tutti menzionano ma ancora ben lontano dall’essere concepito.

Alcuni buoni segnali vi sono sul fronte anti corruzione, infatti è stato presentato ieri in Parlamento con discussione prevista per la prossima settimana l’Emendamento dell’Esecutivo al DDL Anticorruzione ove sono state inasprite le pene per corruzione, turbative, falso in bilancio e che il Governo dovrebbe riuscire a far passare grazie ai voti di SEL (e non dell’alleato NCD a meno di un cambio all’ultimo minuto) testimoniando come Renzi possa contare su varie maggioranze mobili.

Sul fronte lavoro invece Tito Boeri, neo amministratore dell’INPS, fa notare come nei primi 20 giorni di febbraio le richieste di decontribuzione da parte delle aziende per la trasformazione (o nuova assunzione) di contratti precari in nuovi contratti a tutele crescenti siano arrivata a toccare 76’000. Per la maggior parte è pensabile che si tratti di trasformazioni di contratti già esistenti e non nuovi posti di lavoro, ma indubbiamente (pure con le precisazioni da farsi sul Jobs Act ed il mercato del lavoro presenti ai collegamenti di seguito) per coloro che si vedono trasformare un contratto precario con tutte le sue aleatorietà in uno a tutele crescenti, protetto da più garanzie, è una buona notizia.

Link su Mose, Expo, Mafia Capitale:

  1. Expo2015, Mose e gli investimenti esteri vanno a picco…
  2. L’ Expo 2015 e la credibilità da conquistare
  3. Il sottile filo conduttore tra mafia capitale, rapporto Censis 2014 e declassamento S&P
  4. Lo strano buffo paese che non riesce ad avere una visione d’insieme ed identificare le priorità
  5. Un Jobs Act “destrorso” divide le sinistre. Il MEF computa la crescita per le riforme nell’intento di abbonire l’UE
  6. Il “Jumpstart Our Business Start-up” Jobs Act che non accontenta nessuno….
  7. Velleità di Landini: fuoco di paglia o controparte tale da non poter essere ignorata?
  8. La revisione normativa può rilanciare il lavoro solo assieme ad interventi economici

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Ottimismo immerso nella dolce aere di Cernobbio, ma i Vescovi, alcuni dati e la tesa situazione globale rammentano la realtà del quotidiano

ambrosetti2015_324x230Si è chiusa indubbiamente all’insegna dell’ottimismo l’ultima edizione del workshop Ambrosetti a Cernobbio. Un ottimismo pervasivo e condiviso dai relatori politici, economici e dai molti top manager presenti. Del resto risulta oggettivamente complesso non lasciarsi prendere dall’ottimismo in una località così amena come lo sono le sponde lombarde del lago di Como tra golosi coffe break a base di tartine al pregiato salmone affumicato dalle esalazioni delle braci di ginepro e caviale dei freddi mari nordici (difficilmente però di importazione russa) e tra pantagruelici pasti dominati da primizia nostrane e non, mi immagino pregiatissimo Parmigiano Reggiano stagionato almeno 32 mesi, prosciutto dolcissimo di Parma e salatissimo di terra toscana, salamelle D.O.P. tipiche, olive taggiasche e pistacchi di Bronte, il tutto innaffiato da buon vino piemontese e veneto delle migliori annate, spumanti e champagne di vario tipo.

A questa edizione, contrariamente a quella scorsa dove per dare segno di rottura coi poteri forti il Governo aveva mandato in rappresentanza un solitario Morando, era presente, evidentemente dopo una riappacificazione con quelli additati lo scorso anno come potentati, direttamente il Ministro dell’Economia Padoan. La visione del Ministro è stata comune a molti economisti, al Governatore di Bankitalia Visco ed all’ex premier Enrico Letta. Secondo Padoan vi sono ampi spazi per la crescita e la ripresa creati da congiunture macroeconomiche favorevoli, come il prezzo del petrolio ai minimi (ma è un valore transitorio non sostenibile nel medio lungo periodo, a sostenerlo sono tutti i CEO delle major dell’Oil&Gas), la svalutazione dell’Euro che favorisce le esportazioni europee, i QE, la rinnovata fiducia dei mercati e delle istituzioni UE nei confronti del nostro paese, i tassi bassi a lungo. Questa opportunità congiunturale per il titolare del MEF non va sprecata e non si deve peccare di eccessi di fiducia nè rallentare con il processo di riforme che nel nostro paese deve proseguire arrivando finalmente alla fase attuativa ancora lontana. I dati sulla crescita previsti sono decisamente positivi, molto più positivi rispetto a quanto una analisi oggettiva della situazione economico-sociale lascerebbero pensare, ed oscillano per il 2015-2016 rispettivamente tra un +0.4% / +2.1% di Bankitalia (Visco più ottimista ha parlato di +0.5% per il 2015), +2.1% /+2.5% del Centro Studi Confindustria e +0.6% / +1.3% dei media partner europei (contro una crescita media dell’Euro Zona di +1.3% / +1.9%, quindi rappresenteremmo sempre il fanalino di coda).

La deviazione standard delle previsioni è talmente ampia da lasciare perplessi ed indurre a porsi qualche legittima domanda se i dati su cui si basano simili previsioni siano effettivamente gli stessi, ma del resto abbiamo imparato ad essere scettici e prendere con le molle le varie stime, sempre passibili di pesanti correzioni ed in genere al ribasso.

Come prevedibile le obiezioni più critiche sono pervenute dal ministro Greco Varoufakis che da sua consuetudine ha colto occasione per redarguire l’operato della BCE asserendo che il QE non sarà efficace e che lo statuto della BCE è stato scritto dalla BuBa tedesca. Al posto del QE, che secondo il Greco non sarebbe funzionale a fornire credito all’economia reale, sarebbe il caso di elaborare una manovra, che chiamerebbe ironicamente “Merkel”, “Simil Quantitative Easing” ad opera della BEI (Banca Europea degli Investimenti).

Più realisti del re sono i Vescovi che dalle colonne dell’Avvenire sconfessano la visione ottimistica del Forum Ambrosetti, sostenendo che le evidenze e le testimonianze provenienti dalle parrocchie sono ben differenti e mostrano una società sempre più in difficoltà, diseguale e che stenta ad arrivare a fine mese in modo dignitoso senza privazioni di prima necessità o addirittura senza chiedere una aiuto esterno.

Dove sta allora la verità? Come al solito nel mezzo.

Riguardo alle affermazioni di Voroufakis va detto che non è possibile stabilire a priori la reale efficienze del QE nei confronti dell’economia reale come invece ha sentenziato perentorio il ministro Greco (allineandosi stranamente alla visione dei falchi tedeschi anche se con soluzioni alternative ben differenti). Innanzi tutto lo scopo del QE non è quello di fornire credito all’economia, ma di mantenere la stabilità dei prezzi (cosa che per ora sta facendo anche se è presto per dirlo in modo definitivo) e per riportare l’inflazione in prossimità ma sotto al 2%. In ogni caso che il QE andasse fatto, e da tempo, sembra evidente; l’effetto del QE sull’economia reale dipende da molti fattori: innanzi tutto dalla propensione delle banche a dare credito, dalle richieste di credito da parte di aziende e privati quindi dal clima di fiducia nel futuro che influenza la propensione ad indebitarsi, dall’applicazione dei criteri di Basilea di unificazione bancaria, dalla quantità di investimenti pubblici e privati che verranno attivati e da molto altro ancora. Inoltre la politica monetaria senza una contemporanea riforma della govenrance complessiva europea e di molti stati nazionali risulta una freccia spuntata.

La visione dei Vescovi è in un certo senso confermata da altri dati come quello del calo della produzione industriale in gennaio, dalla spesa pubblica aumentata tra il 2010-2014 di 27.4 miliardi (dati CGIA) nonostante le promesse di spending review fatte a Bruxelles e su cui l’UE conta e preme in modo martellante, degli investimenti tragicamente in calo di 15.4 miliardi (2010-2014 -23.9% secondo CGIA). Le riforme sono in via di implementazione, ma, complice anche la macchinosità del sistema nostrano e le divisioni politiche, ancora lontane da giungere ad attuazione. Inoltre la priorità nel campo delle riforme sembra essere stata data a quelle più politiche e meno prettamente economiche. Sempre durante il Forum l’economista Nouriel Roubini ha indicato la corruzione e la giustizia come maggior freno per lo sviluppo italiano, ancor prima del Jobs Act e del fisco. Effettivamente se a giustizia e corruzione si aggiunge anche evasione fiscale otteniamo un costo annuo per lo Stato difficilmente quantificabile, ma che ragionevolmente potrebbe superare i 250 miliardi di €.

Il divario tra le classi sociali presenti all’Ambrosetti Forum e la società civile narrata dai Vescovi è immane e lo spietato gioco dell’analisi dei dati medi non tiene conto delle situazioni particolari che in realtà rappresentano la maggioranza. L’unica speranza è che il tempo trasferisca la percezione carpita prima da coloro che hanno una visione più globale e d’insieme, anche a coloro che invece si vedono costretti a lottare con le situazioni personali e del quotidiano; una sorta di un ritardo fisiologico in grado alla lunga di livellare il tutto positivamente.

Oltre ai fattori sopra citati che riportano con i piedi per terra rispetto ad un ottimismo che pure è benefico purché non sia solo quello della volontà o ancor peggio delle grandi occasioni, vi è uno scenario globale altamente complesso e delicato che colpisce l’Europa ed in particolar modo l’Italia. Ovviamente si fa riferimento al terrorismo dell’ISIS, alle guerre civili in medio oriente ed in Libia, uno dei più importanti partner energetici dell’Italia, alla questione Ucraina e le relative sanzioni alla Russia dall’ingente costo per l’economia nostrana (sia per via degli scambi commerciali ridotti che per l’approvvigionamento energetico), al problema dei flussi migratori, ai movimenti in ascesa di stampo anti-UE e xenofobo. Tutte questioni tesissime che si protraggono da anni e che l’Europa, letteralmente incapace di affrontarle autorevolmente, con determinazione ed unità perdendo così di prestigio agli occhi degli interlocutori internazionali, avrebbe dovuto risolvere da tempo.

Storia a se fa il perdurare del braccio di ferro tra Grecia e Germania, la quale non si sa a che titolo si sia arrogata il diritto di parlare a nome delle istituzioni Europee, sulla necessità di liquidità di Atene e sulle riforme che il paese ellenico dovrà necessariamente implementare. Questa situazione ha bisogno di giungere al termine con concessioni diplomatiche da una parte e dall’altra. Non è pensabile che alla Grecia sia applicato altro rigore andando letteralmente ad asfissiare la popolazione come non è pensabile che vengano presentati dal Varoufakis effimeri programmi di riforme basati sul intenzioni e niente affatto su dati concreti. Nonostante l’evidenza di questa necessità la risoluzione della disputa pare ancora lontana e, una volta passata l’euforia da QE, i mercati potrebbero decidere di utilizzare il pretesto greco per stornare e scaricare gli oscillatori adducendo come motivazione le incertezze europee dovute ala situazione economica dell’Ellade che potrebbero comportare una disgregazione del vecchio continente messa per un attimo da parte.

Come si può vedere l’ottimismo congiunturale della borghesia politica, finanziaria e manageriale non è del tutto campata in aria, alcuni dati ed alcune situazioni sono oggettivamente in miglioramento, ma ve ne sono altrettante, ancora più forti e complesse da condurre a soluzione, decisamente di segno opposto che sembrano non essere state considerate nelle sessioni plenarie di altissimo profilo tenute da multi-laureati luminari che si sono svolte sulle rive comasche del lago.

L’ottimismo è il profumo della vita ed in questi giorni l’aere di Cernobbio sarà stata sicuramente satura di dolcissimi aromi fin quasi a venire a noia per quanto melliflui.

Link: Gli ingredienti per la tempesta perfetta ci sono tutti….

15/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Velleità di Landini: fuoco di paglia o controparte tale da non poter essere ignorata?

landiniCosa abbia in mente non è chiaro e da quello che è stato possibile ascoltare e leggere pare che a non averlo chiaro sia anche il diretto interessato. Maurizio Landini, in rotta dichiarata con molte politiche del governo che lo coinvolgono direttamente, a cominciare quindi dal Jobs Act e tutto il concetto di lavoro e tutela di diritti che vi si cela dietro, è in procinto di lanciare un “movimento”, una “coalizione”.

Sarebbe bene capire quali siano le sue intenzioni e le sue velleità. Il segretario FIOM, che a breve scenderà in piazza per presentare la sua “creazione”, parla di una forza non politica, non un partito, del resto fin da subito aveva escluso questa opzione, ma di un’entità aggregatrice di quelle classi sociali, persone, lavoratori atipici, pensionati ed in buona sostanza ogni cluster di persone non rappresentate, morse pesantemente dalla crisi che non sentisse i propri interessi protetti e portati avanti dal Governo. Questo concetto ricorda molto quello lanciato da Sergio Cofferati, anche lui con un grande passato da sindacalista, in occasione del suo abbandono del PD a valle delle primarie liguri. Quasi le stesse parole furono usate: “forza aggregatrice”.

Il bacino di seguaci a cui Landini può attingere e dar voce è potenzialmente ampio e parte dalla base (come sarebbe partito un eventuale movimento di Cofferati) della manifestazione di piazza San Giovanni. Del resto che il Governo stia attuando politiche molto moderate e molto vicine ad un centro più sbilanciato a destra, con buona gioia di Alfano e del piccolo NCD, non è mistero, così come l’apprezzamento verso il Premier di una parte consistente e “pesante” di FI e di molti ex elettori di Silvio Berlusconi. Lo si è visto in varie occasioni, nel Jobs Act solo per citare l’ultimo e lo rivedremo con al seguito aspri scontri e polemiche anche quando verrà affrontato il tema dei diritti civili, delle unioni di fatto e dei matrimoni Gay che hanno appena ottenuto il via libera dal Parlamento Europeo. Landini denuncia il Premier di asservire e soddisfare esclusivamente i desideri confindustriali, agendo peraltro senza confronto con le parti sociali.

Per la volontà di non “perdere tempo” e non interrompere un flusso comunicativo costante e martellante, spesso anche un po’ superficiale ed in certi casi (detto con la massima umiltà, affetto e nell’insignificanza di chi scrive)  anche stucchevole, pesante ed infantile, e per la voglia di “fare”, talvolta senza troppo curare che si arrivi al bene o al meglio possibile che su questioni molto delicate non può essere sacrificato alla rapidità, il Premier non ha mai negato la disponibilità ad ascoltare tutti gli interlocutori, salvo poi mantenere il diritto di agire in autonomia. Su ciò c’è stata fin da subito la massima trasparenza da parte del fiorentino.

Da ciò ne consegue che gran parte della sinistra più radicale, quella definibile di sindacato e che si può ascrivere alla minoranza DEM, non sia rappresentata, ed anche Bersani dovrebbe mettersi l’anima in pace, perché il suo desiderio di modificare il partito dall’interno non può essere realizzato con le esigue e poco determinate forze che potrebbe raccogliere. Pierluigi deve prendere atto che la Ditta non è più la sua ed è ben differente da come la conosceva: ora la dimensione del PD pare quasi una multinazionale che non disdegna di portare la residenza fiscale a Londra se ciò, legalmente, le consentisse di ottenere vantaggi in termini fiscali. La conformazione della creatura scaturita da DS, Ulivo e Margherita è radicalmente mutata e Bersani, così come Cuperlo, Civati, Mineo, D’Attorre e compagnia bella oggettivamente non “c’incastrano” più nulla.

Oltre a questa frangia del PD anche Sel potrebbe trovare casa nel movimento di Landini. Sel aveva lanciato la proposta di dividersi dal PD a Civati, poi avrebbe accolto Cofferati ed ora senza dubbi si è espressa a favore di una discesa in campo (qualsiasi sia il modo e la forma) del leader FIOM.

Vi sono poi delusi, e non pochi, del M5S e dello stesso Governo Renzi, un tempo convinti sostenitori ed ora dal mutato pensiero. Un nome da emblema? Della Valle. È pensabile anche a qualche elettore leghista che ha mal digerito la divisione interna e l’orientazione che Salvini sta dando alla ex Lega Nord (di fatto non lo è più) sulle orme di un estremismo di destra anti Europa misto tra il Le Penismo e le correnti xenofobe mitteleuropee.

Questo a grandi linee è il bacino a cui può pensare di dar voce Landini. Quantificarlo numericamente è complesso, ma si può pensare che, appurata la natura di centro destra dell’italia, possa arrivare anche ad un 9-12% sempre che vi sia coesione e che poi non vincano le divisioni verso l’atomismo tipiche della sinistra da Bertinotti in poi. Se il leader dei metalmeccanici ritiene che molte persone disagiate, a prescindere dalle dimensioni, non siano rappresentate e siano vittima sofferente dell’evolvere dell’azione parlamentare, è quasi un dovere morale ed etico tentare di dar loro voce e farlo nel modo più forte possibile. Analogo ragionamento vale per la minoranza DEM Bersaniana o Civatiana che sia e per Cofferati.

Il vero punto che deve risolvere e chiarire Maruzio Landini è come da loro voce in modo da esser incisivo rispetto al Governo. Evidentemente deve poter interagire ed influenzare l’attività parlamentare, lui stesso cita più volte lo strumento del referendum abrogativo, ma lo fa, non tradendo la sua sicurezza, anche Renzi in merito alle riforme costituzionali, distorcendone il senso perché, secondo Costituzione questo tipo di referendum dovrebbe essere strumento a protezione delle minoranze e non di consenso per la maggioranza. Landini non può non sapere quanto è forte Renzi: si muove in modo perfetto nella scena politica italiana, tesse e scuce accordi e patti, può contare su più maggioranze (fino a 4) a seconda del tema trattato, si fa forte di avversari inesistenti, di alcune congiunture macroeconomiche favorevoli (pur in uno scenario fragile e debole), e dell’appoggio al suo piano di riforme di Bruxelles (che deve iniziare a preoccuparsi dell’escalation dei partiti anti UE che in Italia stanno contagiando anche M5S e del perdurare del braccio di ferro Grecia-Germania la quale non si capisce spinta da qual autorità agisca da capo europeo), al quale non interessa tanto il merito, ma il risultato. Ad esempio per l’UE massima licenziabilità è sinonimo di flessibilità del mondo del lavoro, quindi un bene, mentre è una bestemmia blasfema per Landini. Non sono riusciti ad intaccare la forza di Renzi, che non disdegna di avanzare per decreto se si trova alle strette, FI, Nazareno, frange PD, Sindacati, dubbi ed ombre sulle primarie ed altre simili quisquilie, figurarsi se il Premier può essere preoccupato da un movimento senza velleità politiche, ma orientato più ad essere un elemento culturale e di condivisione di valori e vedute comuni.

Le uniche due possibilità che realisticamente Maurizio Landini può avere sono:

  1. prendere coraggio e fondare un partito sulle orme di Siriza o Podemos, che in pochissimo tempo e nato quasi dal nulla rischia di vincere le prossime elezioni spagnole, proponendosi fin da ora assieme a SEL e frange DEM come alternativa di sinistra al Governo PD (leggi Renzi) – NCD che diverrebbe di fatto grande centro moderato.
  2. Fondare un nuovo sindacato che rappresenti TUTTI i lavoratori, ad iniziare da coloro che non sono rappresentati. Non sia dominato dai pensionati o lavoratori di lungo corso ben tutelati, ma punti ai giovani, alle partite IVA, agli artigiani ed autonomi, ai precari, a coloro ai quali sono stati tolti benefici e diritti che i più anziani ancora a lavoro detengono tutt’ora. L’interesse ed il bene del lavoratore non è nè di destra nè di sinistra, ma solo ed esclusivamente del lavoratore medesimo ed in tal senso c’è spazio affinché un “sindacato globale del lavoro” possa affermarsi. Questo concetto, non espresso in modo così chiaro, sembra però animare i discorsi e le intenzioni di Landini.

Rimane solo da attendere non tanto qualche informazione o dichiarazione in più, quanto qualche azione concreta che faccia capire se quello del Segretario FIOM si rivelerà solo un fuoco di paglia relegato nell’Iperuriano valoriale e destinato a chiacchiere nei raduni di piazza ma inutile all’obiettivo del sindacalista di esser considerato nelle decisioni parlamentari come ve ne sono tanti oppure se si concretizzerà in controparte tale da non poter essere ignorata dell’Esecutivo, ridisegnando una scena politica già molto fluida, magmatica ed affatto chiara se non nel suo incontrastato ed unico “Dominus”.

Link:

  1. L’uscita di Cofferati impone una profonda riflessione nel PD e se possibile rende il Dedalo Quirinalizio ancor più intricato
  2. Un Jobs Act “destrorso” divide le sinistre. Il MEF computa la crescita per le riforme nell’intento di abbonire l’UE
  3. PD di fronte ad una scelta necessaria, ma soprattutto un Weidmann passato quasi sotto silenzio che teme il cambiamento in UE
  4. RIFORME: decisive per la Grecia ed al centro dell’Eurogruppo, ma anche crocevia importante per un nuovo assetto politico italiano

14/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Mutevoli rapporti di forza politici ostacolano le azioni da intraprendere sull’economia

La riforma costituzionale ha superato anche lo scoglio della Camera in seconda lettura. Per la definitiva approvazione rimangono dunque altri due passaggi, uno al Senato e l’ultimo nuovamente alla Camera. Il risultato del voto è stato di 357 favorevoli, 125 contrari e 7 astenuti, una vittoria con margine, ma che non raggiunge i 2/3 dell’Emiciclo, quorum sotto il quale è consenta la richiesta di un referendum popolare, opzione che Renzi, per poter proteggere la riforma con l’approvazione e il gradimento dei cittadini, vorrebbe seguire.  Pronosticare la vittoria del Sì non era a priori troppo difficile (LINK), le maggiori tensioni ed incertezza erano invece relegate nell’assetto che sarebbe scaturito dal delicato passaggio parlamentare. La scena politica italiana è ormai trasversalmente frammentata e parlare in un tale contesto di bi o tri-polarismo è quantomeno fuor di luogo. Tale mosaico è il preludio per una battaglia che probabilmente sarà più aspra di quella a cui si è appena assistito, ossia la votazioni di Maggio, quasi in concomitanza alla elezioni regionali, sulla legge elettorale “Italicum”. L’eredità lasciata dal primo passaggio alla Camera (II lettura) della riforma costituzionale è pesante ed in certi lembi contraddittoria.

La Lega, che ha votato no, ha subito la definitiva scissione tra la coppia Salvini-Zaia e Tosi, frattura che risulterà particolarmente influente per la corsa alla regione Veneto, dove la vittoria leghista sarebbe quasi scontata se il partito fosse unito. In questa conformazione, con Tosi che potrebbe dare vita ad una sua lista basandosi sulla fondazione che presiede e supportato da Italia Unica di Corrado Passera, gioisce la renziana  (ex Bersaniana di ferro) Alessandra Moretti e per transitività lo stesso Premier.

Forza Italia ha votato no alla riforma del Senato, ma non è stato un voto unanime o come si legge su qualche giornale coeso, bensì è stata una dichiarata manifestazione di “affetto” nei confronti del “patron” Silvio Berlusconi che intervenendo qualche giorno fa a Bari aveva informato della linea ufficiale di FI contraria alla riforma. Con una lettera 17-18 esponenti di FI anche di un certo peso e probabilmente facenti capo a Verdini tra i più filo-governativi dello schieramento di CDX, hanno mostrato il loro dissenso pur nel rispetto della linea dettata dall’ex Cavaliere, il quale ha aggiunto che il Nazareno è ufficialmente morto, infranto unilateralmente dal PD.

Nel Partito Democratico la minoranza DEM, come scontato, si è allineata nuovamente a Renzi appoggiando la riforma, tranne alcune defezioni come quella di Stefano (coerenza) Fassina. Un ultimatum, uno dei tanti, è stato lanciato al Premier da Bersani-D’Attorre-Bindi, informandolo che questo è l’ultimo voto partorito a “denti stretti”, non sarà la stessa cosa per l’Italicum che non verrà appoggiato senza modifiche in particolare alla conformazione delle liste.

Il M5S ha disertato l’aula confermando la sua apertura solo per discutere in merito a Rai e salario minimo.

SEL ha votato contro.

Le contraddizioni che emergono sono lampanti.

FI ha votato contro la riforma costituzionale del Senato pur avendola appoggiata tal quale in prima lettura e, se vogliamo, scritta all’interno del Patto del Nazareno ed il contenuto della lettera di dissenso dalla linea ufficiale è pressappoco questo. Infatti se la riforma era ritenuta buona in prima lettura per quale motivo non dovrebbe esserlo in seconda (A rigor di logica come dar loro torto)?

La minoranza PD, lanciando l’ennesimo ultimatum (tanto che associare i termini “minoranza-Dem” ed “ultimatum” sta diventando quasi ossimorico), dice di aver ingoiato questa riforma, ma non farà altrettanto con l’Italicum senza modifiche. Visti i precedenti e la scarsa fermezza, difficile crederlo, ma le motivazioni che adducono non sono affatto campate in aria. Se coma pare evidente il Patto del Nazareno non sussiste più perché ostinarsi a voler  mandare avanti la riforma simbolo del sodalizio? Oltretutto lo stesso Premier Renzi aveva in più di una occasione sostenuto che certi elementi dell’Italicum non erano di suo gradimento, ma necessari nel compromesso con Berlusconi affinché si potesse arrivare nel giro di poco tempo ad una nuova legge elettorale accettabile. Ora il Premier, libero dal Nazareno, potrebbe avere l’opportunità, dal suo punto di vista, di migliorare la riforma elettorale eliminando i punti che non gradisce: genererebbe un testo totalmente suo e del PD tanto da poterlo addirittura nominare, proseguendo l’odioso vezzo latinista (non me ne voglian i furon Cicerone o Seneca), “Renzellum”. Il Presidente del Consiglio non pare però orientato verso questa possibilità, giustificando con la solita voglia di portare a casa le riforme nel minor tempo possibile. Talvolta questo compromesso è necessario, perché l’ottimo non è raggiungibile o i tempi sono eccessivamente stretti e quindi si deve puntare rapidamente al meglio possibile al momento che non è quello assoluto. In tale situazione una simile motivazione non tiene. Attendere qualche mese in più o in meno rispetto a maggio, quando le elezioni regionali si saranno già tenute, non cambierebbe assolutamente nulla a meno che non siano ipotizzate, temute o ricercate elezioni anticipate.

Il sentore, pressoché certo, è che anche la situazione di stallo che si sta delineando non sia finalizzata ad ottenere riforme utili e per quanto più possibile ottime per il paese. I ragionamenti che dominano sono contraddittori e logicamente insensati: una riforma votata ed appoggiata tessendone le lodi in prima lettura diventa vittima di veti in seconda lettura da parte degli stessi individui, parimenti una riforma dichiaratemene ritenuta mal concepita viene appoggiata con un voto condizionato al fatto che la prossima volta non sarà così. Un comportamento che, oltre a dimostrare in modo oggettivo che gli interessi partitici prevaricano quelli del paese, prova inconfutabilmente che sovente anche il merito stesso della riforma è decisamente un elemento secondario rispetto agli incastri di potere, ai rapporti di forza, agli interessi partitici e talvolta personali.

Il momento, pur con qualche spiraglio positivo, accolto con troppo clamore e sbandierato quasi fosse giunta la fine del circolo vizioso in cui l’economia italiana e, nelle sue diversità geografiche, quella europea sono precipitati, tra cui il calo dell’Euro e dello Spread, il mercato dell’auto in recupero ed una previsione di crescita per il Q1 2015 in una forbice tra -0.1 e +0.3% con media di +0.1, continua ad essere fragilissimo. A ricordarlo sono i dati ed i numeri: l’Istat ha certificato il calo della produzione industriale nel mese di gennaio: -2.2% su anno e -0.7% sul mese. Anche il credito a privati ed imprese è in flessione rispettivamente di: 1.8% su anno (era in calo del 1.6% a dicembre) e 2.8% (-2.3% a dicembre), mentre aumentano le sofferenze bancarie. I dati sulla produzione industriale potrebbero essere leggermente influenzati dalla stagionalità, infatti nei mesi di dicembre e gennaio le giornate di lavoro si riducono (ma dovrebbero aumentare i consumi e la propensione alla spesa ed all’indebitamento). Dai dati su produzione industriale e sul credito si comprende una volta in più la necessità di sostenere domanda interna e ed export, fortunatamente buono, incrementando il potere d’acquisto e la disponibilità economica delle famiglie in questo frangente ciò può derivare quasi esclusivamente da sgravi fiscali mirati sui salari e sul carico fiscale delle imprese e da investimenti, che inizialmente non potranno essere altro che pubblici, per creare lavoro e conferire capacità di spesa a chi ora non ne ha. Di pari passo poi dovranno andare le riforme per facilitare il lavoro e lo sviluppo delle imprese attualmente ancora soffocate da peso di fisco e burocrazia. La debolezza del credito fa inoltre riflettere sul fatto che pur con ingente liquidità circolante le banche siano restie a concederne di altro, anche per via delle sofferenze in aumento, per tale ragione da una parte il QE può aiutare a diminuire tali sofferenze liberando i bilanci degli istituti da alcuni tipi di cartolarizzazioni, dall’altra la presenza costante dell’intermediario bancario che si frappone tra la liquidità e l’economia reale rende complessa l’equazione tra QE e “liquidità disponibile al consumo” (LINK).

Le riforme sono un elemento chiave ed è necessario che vengano affrontate secondo priorità, in questo momento la priorità non dovrebbe essere sulla legge elettorale, ma sono la burocrazia, l’economia, la giustizia, la lotta alla corruzione ed all’evasione che devono essere mandati avanti. L’Europa, ancora alle prese con la Grecia per arrivare ad un compromesso sulle riforme in merito alle quali (ironia della sorte) è proprio l’UE a chiedere flessibilità allo stato ellenico, ci misura sulle riforme e Moscovici, commissario economico UE, ha ricordato che all’Italia sono state risparmiate, applicando il massimo della flessibilità concessa dai patti e ritenuta possibile, le procedure di infrazione per debito eccessivo e per sforamento del percorso di riduzione del rapporto deficit/pil esclusivamente per il programma di riforme ritenuto ambizioso e promettente. L’Italia inoltre, attraverso la CdP (chissà se la nuova obbligazione CdP è funzionale a questo scopo), ha provveduto a sostenere il piano di investimento Juncker con 8 miliardi. Altri 8 sono arrivati dalla Francia e 10 dalla Germania. Ciò dovrebbe consentire secondo le stime di sbloccare investimenti nel nostro paese per circa 20 miliardi che andrebbero allocati su banda larga, PMI ed infrastrutture. Da sperare e confidare che i denari teorici che torneranno a fronte degli 8 miliardi elargiti dalla CdP a Bruxelles (per ora il piano Juncker incassa invece di distribuire, quando in linea teorica per ognuno dei 21 miliardi messi a disposizione da UE e Bei se ne dovrebbero generare 15 di investimenti) siano spesi nel migliore dei modi e con i migliori risultati possibili in termini di aggiornamento infrastrutturale, creazione di valore aggiunto e di posti di lavoro. In sostanza che contribuiscano a creare le basi necessarie ad attirare altri investimenti (la banda larga e l’istruzione digitale sono fondamentali affinché un’azienda decida di investire).

Per quanto detto parrebbe facile capire che la politica italiana e la cornice economica che la contorna dovrebbero andare di pari passo, invece non è così. Ad ogni diramazione la politica sembra voler procedere autonomamente quando invece in questa fase l’interazione con l’economia, per migliorare la situazione del paese e dei cittadini, dovrebbe essere il principale obiettivo.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

RIFORME: decisive per la Grecia ed al centro dell’Eurogruppo, ma anche crocevia importante per un nuovo assetto politico italiano

E così il vero Bazooka della BCE e di Draghi, il QE, inizierà a sparare da lunedì 9 marzo con l’acquisto di 60 miliardi al mese di Bond sovrani in percentuale proporzionale alle quote di BCE detenute dai singoli stati, quasi in contemporanea si svolgerà un delicato Eurogruppo con al centro l’altro tema che attanaglia l’UE da molti mesi a questa parte, ossia la Grecia. Come sappiamo lo stato ellenico è in crisi di liquidità, gli è stato concesso un prolungamento del programma di aiuti “delle Istituzione” (Troika fino a qualche settimana fa) per arrivare fino alla fine di giugno in cambio della presentazione di un piano di riforme e di programmi da discutere a Bruxelles. Proprio in queste ore il ministro delle finanze greco Varoufakis ed il Premier Tsipras hanno inviato il loro documento alla Commissione. Esso sarà oggetto di discussione all’Eurogruppo del 9 marzo, quando sarà reso noto. Esso presenta i programmi di medio-lungo termine che ha in mente il Governo Syriza per risollevare la Grecia dallo stato in cui è tracollata, ristabilire un adeguato livello di investimenti che consentano la crescita e supportare i cittadini con un livello di welfare che possa tornare a definirsi decente. In aggiunta all’approccio di medio-lungo termine vi sono 6-7 esempi di riforme che la Grecia avrebbe intenzione di mettere in atto. Al momento esse non sono pubbliche, ma è pensabile che siano rivolete alla lotta alla corruzione (indiscrezioni parlano di incentivare turisti e viaggiatori a denunciare), ad alcuni tagli di spesa mirati, ad una blanda ristrutturazione del debito dilazionandolo in tempi maggiori. Difficilmente questi primi punti conterranno le riforme che Tsipras-Varoufakis vorrebbero fare o non fare contrapponendosi alle richieste UE, perché un accordo in tale fase, che rappresenta l’inizio vero e proprio della trattativa nel merito tecnico delle modalità di supporto alla Grecia, è indispensabile: attriti già ora procrastinerebbero una situazione greca ed europea in cui urgono interventi radicali ed immediati. Aver proposto riforme su cui Varoufakis è relativamente confidente che vi sarà condivisione in Eruogruppo, sulla cui prima reazione al piano vi sono indiscrezioni, potrebbe aver consentito all’astuto ministro greco di spingersi, puntando a dare un segnale al popolo greco di durezza e di ancoraggio alle proprie posizioni di protezione nei confronti di Atene, a dichiarare che se questo piano non verrà accettato da Bruxelles allora non vi saranno ulteriori alternative o alleggerimenti di posizione e scenari come nuove elezioni Greche oppure un referendum (sulla permanenza Euro o più probabilmente sulle misure economiche) sono ipotesi percorribili; alla BCE sono state riservate anche frecciatine, definendo il rapporto BCE-Atene formale e decisamente poco dialogante, diversamente da quanto, con un governo più conservatore, avvenne nel 2012 quando fu concesso ulteriore credito alla Grecia senza avanzare troppe pretese come contropartita: all’epoca l’istituto di Francoforte, secondo Varoufakis, è stato indubbiamente meno “disciplinato” di quanto non sia in questa fase; oppure la dichiarazione (almeno azzeccata direi), di certo non leggera, in merito ai QE che secondo il greco avrebbero dovuto essere destinati prima ai paesi dalla crescita bloccata, e non in modo direttamente proporzionale alle quote di capitale della BCE, che fanno della Germania il primo beneficiario. Evidentemente che il meccanismo fosse favorevole alla Germania è stato un obolo da pagare a Weidmann, Schauble e Merkel affinché interrompessero un veto nei confronti della politica di espansione monetaria (che a mio avviso Draghi avrebbe innescato anche prima) durato 4 anni.

Il ministro greco si mostra in ogni occasione molto astuto ed abile oratore (anche in perfetto inglese). Il momento è piuttosto delicato sia per la Grecia che per l’Europa. Atene deve cercare di portare a casa i migliori risultati possibili, che gli consentano di avviare un programma di investimenti per risollevare l’economia, il welfare, provare a rispondere alla disoccupazione dilagante, aumentare il potere d’acquisto e non farsi strozzare dalla pressione fiscale o da tagli di spesa lineari. A tal fine deve presentare un programma di riforme bilanciato e mantenere i conti in un certo ordine. Di contro anche l’Europa deve dimostrare di non ricadere nel peccato dell’austerità, concedere quanto oggettivamente necessario a consentire l’innesco di un minimo di ripresa ad iniziare dalla condizioni sociali in Grecia. Non a caso si usa il termine traghettare perché l’UE ha il dovere di comportarsi da leader, anche con un figliol prodigo, tendendo il braccio per toglier suo figlio da uno stato comatoso che senza un supporto esterno condurrebbe alla morte certa. Ovviamente ciò può avvenire se e solo se Bruxelles e le istituzioni cessano, dopo le sbandierate dichiarazioni che si susseguono almeno da inizio 2014 sull’abbandono dell’austerità, l’approccio improntato solo al rigore, magari guardando come gli USA sono usciti dalla loro crisi finanziaria. In questa trattativa è necessario un bilanciatissimo rapporto tra concessioni e richieste che da un lato non sia causa dello scoppio della tempesta sociale in Grecia ed al contempo permetta ad Atene di innescare un’inversione di tendenza che punti al miglioramento delle condizioni sociali ed alla crescita pur mantenendo un controllo, che sia realisticamente sostenibile, dei conti e dello stato delle riforme.

Arrivare all’equilibrio in questo frangente non è nè scontato nè banale, ma è indispensabile.

Come abbiamo visto le riforme sono un punto cruciale per la Grecia e per l’Europa, ma lo sono in egual misura per l’Italia. Anche il nostro paese, pur essendo in mezzo ad una congiuntura più favorevole che in passato e meno nell’occhio del ciclone, rimane un sorvegliato speciale delle istituzioni che monitorano costantemente lo stato delle riforme richieste. Dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale di due decreti attuativi sul Jobs Act martedì sarà la volta delle riforme istituzionali, in particolare quella del Senato e della legge elettorale (Italicum). Al momento, pur nella solita sicurezza del Premier di aver i numeri per superare questo passaggio parlamentare, lo scenario è piuttosto fluido. Preso atto di una definitiva rottura del patto del Nazareno, Berlusconi di FI ha dichiarato che voterà contro le riforme proposte, anzi imposte, secondo quello che è il punto di vista del leader di FI, da Renzi. Voto contrario è previsto anche da parte del M5S, di SEL, della Lega e della frangia interna del PD che fa capo a Fassina e Civati, mentre Bersani, più accomodante, si è detto disposto ad appoggiare Renzi a patto di inserire alcune modifiche, che in verità l’ex sindaco di Firenze non pare orientato a concedere avendo dichiarato che è sua intenzione andare dritto come un treno per raggiungere l’obiettivo di avere riforme pronte entro l’estate. Effettivamente qualora si riaprissero le discussioni questo limite temporale potrebbe non essere rispettato, ma è anche vero come ricordano minacciosi i “dissidenti” DEM, che se non vi è condivisione sulle riforme istituzionali esse rischiano di non andare in porto nè in estate nè mai. Va detto che l’obiettivo da perseguire in questo momento è avere riforme più funzionali e calibrate, pagando qualche giorno di ritardo, rispetto a soluzioni immediate, ma non ben ponderate negli effetti di medio e lungo periodo.

Alla luce dei numeri presentati e delle dichiarazioni pre voto, che in due giorni possono assolutamente cambiare radicalmente, non è facile pensare ad una pacifica approvazione, anzi quello che è prevedibile è un serrato scontro parlamentare che speriamo non dia adito a riprovevoli episodi diventati ormai consuetudine all’interno dell’Emiciclo.

Parimenti al percorso delle riforme, altrettanto fluido, forse addirittura di più, appare lo scenario politico ed i rapporti di forza che si stanno delineando per l’ennesima volta.

Cominciando dal M5S, il partito di Grillo qualche giorno fa sembrava aver iniziato un percorso che lo avrebbe portato a dialogare con il PD. Ciò indubbiamente avrebbe aperto uno scenario del tutto nuovo permettendo di creare una maggioranza parlamentare decisamente solida. A distanza di poco però è giunta la rettifica dei vertici del M5S i quali hanno precisato che la discussione con il PD sarebbe stata possibile solo ed esclusivamente su Rai e reddito di cittadinanza, nessuna apertura sulle riforme di Senato nè tanto meno legge elettorale che vedono i pentastellati già sulle barricate, proprio come SEL.

Nel PD le divisioni interne sono tutt’altro che sanate, anzi si ripropongono ogni qual volta vi sia una partita parlamentare. Le fazioni in gioco sono sempre le stesse: l’ala facente capo a Fassina, Civati, Cuperlo, Mineo, Chiti, D’Attorre più fermi sulle loro posizioni; i bersaniani più dialoganti; la maggioranza renziana che segue il premier andare dritto come un treno. Anche stavolta, tanto si è dilungata questa telenovela dalle rosse sfumature, l’esito pare quello solito e scontato: alla fine coloro che decideranno di dare le spalle al governo saranno pochi, la maggior parte rientrerà nei ranghi e, adducendo dei mai realmente provati amore per il paese e senso della responsabilità, si riallineeranno al Premier. Renzi questo lo sa bene, così può permettersi di tirare la corda e lanciare ultimatum avendo ormai prova della totale mancanza di determinazione di coloro che vorrebbero scindersi, magari accodandosi a Cofferati e coinvolgendo SEL per una sinistra in stile greco, ma che non hanno il fegato per farlo, limitandosi a poco dannosi e flebili aneliti di dissenso, molto meno incisivi nella loro totalità che un cinguettio tuonato dal Premier attraverso il suo I-Phone e neppur direttamente in faccia.

Se per quanto detto fino ad ora tutta sembra seguire un copione già visto, molto più interessante è lo scenario che si appresta a crearsi nel centro destra. Certamente la vera novità è la rottura interna alla Lega tra Salvini, che supporta il governatore leghista uscente Zaia per le regionali in Veneto, e Tosi, sindaco leghista di Verona, che vorrebbe concorrere al governatorato della regione padana. La frattura sembra imminente e l’ultimatum di Salvini a Tosi scadrà allo scoccare della mezzanotte tra domenica 8 e lunedì 9 marzo (anche se qualche ora in più sarà senza dubbio concessa). Allora Tosi dovrà decidere se ridimensionare le sue velleità o proseguire in autonomia, magari cercando alleanze altrove. Proprio la partita delle alleanze è cruciale nel centrodestra. Evidentemente in questa fase non vi è alcuna possibilità che un singolo partito possa minimamente scalfire la leadership del PD, e così Berlusconi e Salvini si sono visti per analizzare la possibilità di porre le basi per una futura e rinnovata vicinanza. Salvini ha dato la sua disponibilità al dialogo a patto di non coinvolgere l’alleato dell’Esecutivo NCD (che rimane l’unico vero supporter del PD ottenendo per altro numerose vittorie in termini di linea di Governo in rapporto al suo effettivo peso politico) e di votare contro le riforme, intenzione ribadita dallo stesso Berlusconi intervenuto telefonicamente ad una convention presso la capitale pugliese. L’ipotesi di un’asse Salvini-Berlusconi escluderebbe in partenza un eventuale ricorso dello stesso Tosi a Berlusconi, utile al (ex?) leghista, meno al Cavaliere visto che il peso di Tosi è ancora tutto da verificare. Se Salvini riuscisse a redimersi dal “Leghismo nordico” della secessione e dei “terrun”, portando come prova di un nuovo interesse nazionale e non più solo padano l’eventuale scissione con Tosi, in alleanza con FI, realtà dalla struttura consolidata, potrebbe rappresentare l’archetipo verso una destra meno di centro, con Salvini, benedetto da Berlusconi, che avrebbe l’opportunità di scalzare Fitto come futuro Leader.

Ciò comporterebbe un assetto politico del tutto inedito: poche e scollate forze di sinistra, un PD dai forti contrasti interni ma che in ultima istanza, come una sorta di nuovo grande centro sotto mentite spoglie, porta avanti una linea di centro/centro-destra indirizzata parzialmente da NCD ed una destra della chiara impronta Le-Penista ed anti-EU (FI dovrà scegliere se giocare la partita in Italia assieme alla Lega abbandonando il PPE, perché Salvini potrebbe arrivare a chiederlo,  o se rimanere una emanazione del Partito Popolare Europeo).

Tutto si tiene, ma tutto è estremamente complesso, non resta che attendere il susseguirsi de giorni e con essi dell’agenda europea ed italiana per capire come fluido si convoglierà. Di certo prepariamoci ad un periodo di negoziati serrati ed intrichi più o meno alla luce del sole sia a Bruxelles che nei Palazzi Romani in vista di un’infuocata campagna elettorale per le regionali di maggio.

  1. QE-Day alle porte, ma non è scontato che sia anche un Beautiful-Day…
  2. La politica Italiana tra le crisi Russo-Ucraina, Libica ed i negoziati UE-Grecia
  3. Riforma costituzionale: più tempo per discutere le modifiche o avanti di forza? Lotta in Parlamento mentre lo scenario internazionale e sempre più delicato
  4. Nazareno vivo o morto? Renzi, purchè camaleontico, fa spallucce e tira dritto
  5. La scena (politica) è mobile…. e procelloso il percorso per Quirinale tra le divisioni nel PD e FI legati nel sodalizio Nazareno

08/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

 

 

QE-Day alle porte, ma non è scontato che sia anche un Beautiful-Day…

qeIl conto alla rovescia in attesa dell’ultra menzionato QE-BCE è agli sgoccioli. Il Direttivo della Banca Centrale Europea ha infatti annunciato l’avvio del piano per lunedì 9 marzo, come da ultimi pronostici. L’entità rimane confermata a 60 miliardi al mese fino a 1140 miliardi complessivi (19 mesi), ma con possibilità di prolungamento “ad libitum” fintanto che il target di una inflazione, attualmente a zero, inferiore ma prossima al 2% non sia raggiunto. Teniamo bene a mente che inflazione e stabilità dei prezzi, ossia il mantenimento di un adeguato rapporto tra Euro ed altre valute, sono i reali obiettivi di questa manovra di espansione monetaria. Gli asset acquistati saranno titoli di stato (anche con rendimento negativo fino a -0.2%, che è il rendimento dei depositi presso l’istituto di Francoforte) ad esclusione delle emissioni di paesi con rating basso o junk, ABS e covered bond aventi rating almeno mezzanino (si escludono pertanto titoli spazzatura). Il vincolo sul rating imposto esclude dal programma la Grecia e la possibilità di acquistare bond con rendimento negativo include nel piano l’acquisto di Bund tedeschi, che rappresenteranno la maggiora parte dei titoli sovrani.

Escludere la Germania dal piano di acquisto era all’atto pratico impossibile, primo perché per vincere l’ostilità della Germania una contropartita era necessaria, sappiamo bene che a costo zero la Germania non si sposta dalle proprie posizioni; secondo perché l’ammontare degli acquisti è ripartito in modo direttamente proporzionale alle quote di BCE detenute da ciascuna banca centrale nazionale e la Germania è la maggior azionista della BCE. Risulta pertanto che, nonostante l’ostracismo tedesco e dei falchi nordici al seguito solo in ultimo vinto, i tedeschi saranno coloro che più beneficeranno di questa misura. Non ne beneficerà invece la Grecia a causa del suo rating, alla quale però la BCE ha allargato la linea di credito di emergenza fino 100 miliardi, il 68% del Pil ellenico, caso unico in Europa, tanto che questa circostanza ha spinto il Governatore Draghi a dichiarare ironicamente che la BCE è diventata una sorta di Banca Greca.

Dal mio punto di vista con gran ritardo, perché se QE doveva essere considerando le condizioni recessive ampiamente manifeste avrebbe dovuto esserlo fin da subito, il QE partirà e sono state superate, non senza pagare loro pegno, le resistenze nordiche di quattro anni.

Nonostante la Germania sarà la più grande beneficiaria del QE, anche durante il Direttivo non sono mancate le critiche da parte di esponenti tedeschi, che quantomeno avrebbero posticipato l’operazione facendo fare alla ripresa (o meglio ripresina) il proprio corso (non capisco come si possa pensare di rivedere in tempi ragionevole l’inflazione al 2% senza interventi esterni). La BCE invece si è mostrata decisamente ottimista ed ha rialzato le stime di crescita del PIL dell’Eurozona a 1.5% per il 2015 ed a 1.9% per il 2016 con una inflazione che rimarrà bassa ancora a lungo, sfiorando il target nel 2017 quando è prevista all’1.8%. Questi dati si riportano solo per completezza di informazione, ma mi auguro che abbiamo imparato a diffidare dalle previsioni, normalmente riviste più e più volte, tanto più in uno scenario delicato e fluido su molti fronti come quello in essere dove basta davvero un batter d’ala di libellula per scatenare reazioni impreviste, imprevedibili e d’ingente entità. Questo ottimismo è in parte dovuto ai risultati già messi a segno dall’annuncio del QE ancora prima che esso venga davvero implementato: l’Euro si è ribassato notevolmente nei confronti del dollaro, i mercati (come di consueto anticipatori) hanno messo a segno discreti rialzi a cominciare dai titoli bancari, i Bond di debito sovrano dell’area Euro hanno ridotto i loro spread.

Appurato ciò è altresì doveroso fare alcune considerazioni, perché c’è il rischio che l’effetto dei QE sia in realtà meno vigoroso e decisivo di quanto supposto e la liquidità immessa potrebbe non confluire all’economia reale.

Innanzi tutto va ricordato che l’obiettivo del Quantitative Easing non è far confluire liquidità alle imprese, agli investimenti, ai privati, bensì supportare inflazione ed Euro; l’equazione non è affatto immediata o semplice. Ne abbiamo avuto chiaro esempio con gli strumenti monetari messi in campo negli anni addietro e che in parte contribuiscono a farmi affermare che sarebbe stato meglio tentare (sempre di tentativo è giusto parlare) fin da subito con un QE: i prestiti erogati a tassi attorno all’1% da Francoforte alla banche sono stati utilizzati non per dare credito, ma per acquisto di Bond dai rendimenti anche 4 o 5 volte superiori rispetto all’1% dovuto alla BCE; gli ABS e il TLTRO invece sono stati accolti con freddezza dalle banche a causa degli imminenti stress test europei, dei criteri di Basilea 3, e dello stato di patrimonializzazione delle banche italiane non buono. Queste stesse cause hanno ridotto la propensione al credito da parte degli istituti bancari, assecondata dalla scarsa domanda conseguente ad un clima di generale sfiducia ed incertezza sul medio lungo termine. A ben guardare è stato più benefico l’effetto annuncio procrastinato da Draghi sulla disponibilità della BCE a mettere in campo strumenti non convenzionali che l’effetto degli strumenti stessi.

Come nelle occasioni precedenti il rischio che anche in questo caso gli intermediari, ed in particolare le banche, piene di crediti deteriorati e secondo l’UE sottocapitalizzate, non destinino sufficiente liquidità al credito per le imprese ed agli investimenti è concreto. Il motivo principale risiede nei criteri di Basilea che gli istituti devono rispettate e che conferirebbero un profilo di rischio alla concessione di credito superiore rispetto a quello conferito ad attività finanziarie e speculative (derivati inclusi). Ne risulta che nonostante una leva più bassa le banche italiane siano valutate peggio rispetto ai grandi colossi nordici (Deutsche Bank, Commerzbank, BNP, Societè General, Credi Agricole, Norges, ABN Amro, Saxo ecc ecc). Una simile distorsione potrebbe comportare che la liquidità ottenuta dalle banche cedendo asset alla BCE in cambiio di denaro sonante invece di essere prestata per investimenti e sviluppo economico reale venga reinvestita in finanza.

Abbiamo poi un Euro già molto basso, a circa 1.1 rispetto al Dollaro, e non è certo che possa ribassarsi ancora, probabilmente tenderà alla parità, difficile prevedere ribassi ulteriori.

Lo spread ha subito un notevole calo sfondando al ribasso, nel caso dei BTP, quota 100. Indubbiamente ciò comporta un buon risparmio sugli interessi sul debito sovrano, ma di contro le stime sul debito inserite nel DEF si sono rivelate ottimistiche ed in realtà il debito è superiore di circa 4 punti percentuali, il 128% previsto si è rivelato 132.2% quindi il risparmio effettivo è un po’ inferiore.

Un altro fattore importante è il prezzo del petrolio attorno ai 50 $ al barile. Tale circostanza è stata inserita dalla BCE tra i fattori trainanti la crescita economica, mentre per la BuBa ed il ministero delle finanze tedesco questo elemento sarebbe la reale causa della bassa inflazione. Opinione condivisa è comunque che nel giro di qualche mese al massimo anno il petrolio tornerà attorno ai 70 $ ed oltre, rischiando quindi di peggiorare le ultime previsioni della BCE. I prezzi attuali non sono sostenibili a lungo per molte compagnie, principalmente piccole realtà, operanti sia nello Shale che nel difficile mare del nord dove i costi estrattivi sono alti, inoltre le major hanno stoppato gli investimenti andando a comportare un rischio di approvvigionamento nel lungo termine, quando la domanda di idrocarburi tornerà a salire e ciò conferisce un gradi di incertezza in più.

In ultimo, ma non per importanza, vi è la situazione internazionale delicatissima. Le tensioni in Medio Oriente e nel Mediterraneo (Siria e Libia in primis) e la crisi Russo-Ucraina con le sanzioni Russe che penalizzano l’export italiano. Secondo le stime si ha una riduzione media dell’export verso la Russia del 5% che per molte aziende vale però il 50% del proprio giro d’affari, in sostanza si collocano sull’orlo del fallimento. Anche le variabili più lontane andrebbero tenute in debita considerazione, non di poco conto per l’UE è ad esempio il calo di 0.5% della crescita Cinese che passa dal 7.5% al 7% con rapporto deficit/pil a circa il 2%.

Il caso di successo dell’espansione monetaria statunitense può lasciare ben sperare, ma le circostanze USA sono ben differenti da quelle europee. Innanzi tutto la FED ha agito (ed ha anche esortato la BCE a farlo) per tempo non ostinandosi nel rispetto dell’austerità procrastinata in Europa, ha iniettato liquidità direttamente nell’economia e non ha lesinato di stampare moneta (cosa non nel mandato della BCE) ad oltranza. Gli USA hanno innalzato costantemente il tetto del loro debito (portandolo oltre il 100% del PIL per evitare il fiscal cliff) e non si sono mai curati troppo del rapporto deficit PIL a circa il 5%; hanno poi settato il target sulla disoccupazione, puntando al 6-6.5% (cosa non consentita in Europa visto che il lavoro è materia in capo ai singoli stati ed il target monetario della BCE è relativo ad Euro ed inflazione) e non lesinato in spesa pubblica per investimenti infrastrutturali che creassero lavoro nè per aumentare il welfare (legge sanitaria e salario minimo innalzato). Tutto ciò assieme ad un sistema dinamico, flessibile e meritocratico ha consentito di consolidare seriamente la ripresa economica.

Com’è ora possibile evincere con facilità, il risultato dei QE è tuttaltro che scontato e di certo va recepito il sempre corretto monito di Draghi a proseguire il piano di riforme necessario in tutta Europa ed in Italia in particolar modo, senza crogiolarsi troppo sulle iniezioni di liquidità. Sull’austerità cara alla Germania è interessante poi notare come la linea di credito d’emergenza alla Grecia (senza considerare gli aiuti passati) abbia raggiunto pochi giorni fa i 100 miliardi e che un salvataggio di Atene nel 2011 sarebbe costato circa 150 miliardi complessivi, evidentemente un prezzo di gran lunga inferiore, con la possibilità che la crisi avesse un corso meno drammatico.

Credo, ma non solo da ora, che in fondo convenisse agire in quel modo, abbandonando fin da subito l’austerità, salvando la Grecia ed insistendo sul percorso di riforme che già all’epoca erano evidentemente indispensabili, senza fare sconti a coloro che non le implementassero o che eventualmente sprecassero il denaro concesso. Il timore del “precedente” e la forza tedesca nel proteggere i propri interessi hanno invece avuto la meglio come sembra abbiano, in misura inferiore, anche adesso.

Il QE-Day è dunque alle porte, ma che sia anche un Beautiful-Day è ancora tutto da dimostrare.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

 

 

La Buona Scuola: da decreto a disegno, ma per ora solo linee guida. Il Parlamento ha un’importante opportunità, comunque vada il Premier ne uscirà vincitore

L’attesa era molta e come spesso accade con le decisioni, governative nella fattispecie, che si aspettano con frenesia ed impazienza, la sua presentazione non è stata immune da polemiche.

Ci stiamo riferendo alla riforma della scuola ed all’esposizione in CdM del piano nominato appunto “La Buona Scuola”. Il principale colpo di scena è derivato dal fatto che da Decreto, esso si è trasformato all’ultimo secondo in Disegno di legge, perdendo quindi il carattere di “necessità ed urgenza” che contraddistingue tutto ciò che, invece di seguire il normale iter di confronto Parlamentare, viene decretato. Il cambio in corsa ha suscitato lo sconcerto generale, incluso quello del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, circostanza quantomeno strana essendo l’ex esponente di Scelta Civica ed ora nel PD preposta al Dicastero MIUR direttamente interessato e che di fatto ha materialmente redatto il piano.

Stando alla realtà dei fatti nel CdM di Martedì 3 marzo non è stato presentato neppure il disegno di legge, ma solo le linee guida generali  proposte dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca affinché possano essere discusse ed approvate nel CdM del 10 marzo, dopo questo passaggio in cui l’attuale bozza dovrebbe essere licenziata essa passerà alle Camere per la discussione parlamentare.

L’elemento che ha scatenato le maggiori polemiche e preoccupazioni in particolare tra precari riguarda proprio il loro passaggio in ruolo previsto per settembre. Essendo venuto meno lo strumento del decreto, le tempistiche, proprio in conseguenza alle discussioni parlamentari che si susseguiranno, si allungano e potrebbero allungarsi anche di molto rendendo impossibile la regolarizzazione di 180’000 unità in 4 anni a partire dall’inizio del settembre venturo. Il Premier Renzi assieme al Ministro Giannini hanno subito cercato di spegnere la polemica assicurando che le risorse economiche sono presenti e che le assunzioni son una priorità fondamentale alla quale l’Esecutivo non è intenzionato a rinunciare. Lo strumento legislativo che consentirà il passaggio in ruolo dei precari verrà discusso nel CdM del 10. Di differente avviso è l’ex segretario PD Pierluigi Bersani, che alla trasmissione di Lilli Gruber Otto e Mezzo si è detto scettico sulla possibilità che il confronto parlamentare si possa concludere in tempo utile per avviare le assunzioni a settembre. Va detto però che molto dipenderà proprio dallo strumento legislativo che verrà messo in campo nel prossimo CdM.

Ufficialmente la mossa di Matteo Renzi è stata da lui stesso giustificata dicendo di volersi scrollare di dosso le accuse di essere un dittatorello che procede solo ed esclusivamente per decreto senza servirsi del confronto parlamentare. Così facendo coglie anche il suggerimento del Quirinale di limitare il ricorso alla decretazione che dovrebbe essere ampiamente giustificata e riservata a circostanze di evidente carattere di necessità ed urgenza. Questo è stato il suggerimento generale, ma rumors dai palazzi vorrebbero che proprio sul piano “Buona Scuola” il Presidente Mattarella abbia avanzato, su indicazione della corte dei conti, qualche perplessità in merito alle coperture ed alla reale presenza dei requisiti di necessità ed urgenza che avrebbero impedito il confronto parlamentare su una riforma complessiva dall’impianto piuttosto articolato (e questa complessità potrebbe a tutti gli effetti richiedere abbondanti tempi di discussione nelle due Camere).

Il ripensamento di Renzi sul decreto lascia spazio ad una riflessione. Oggettivamente non si può dargli torto quando sostiene di essere tacciato di dittatorismo se sfrutta il decreto e poi quando invece apre al confronto gli si rimproveri di voler rallentare il processo di riforma. Rimane sicuramente strano ed anche sospetto per i più maliziosi il fatto che lo stesso MIUR non fosse a conoscenza del cambio di direzione, tanto da spingere i detrattori a rincarare la dose sul suo atteggiamento autoritario nel prendere le decisioni in completa e totale autonomia. D’altronde non si scopre certo ora che a Renzi non piaccia essere contraddetto e non gradisca mettere in dubbio le proprie convinzioni, o almeno ciò è quanto lascia spesso trasparire.

L’apertura alla discussione sul tema altamente delicato della riforma dell’istruzione e della scuola, dal quale effettivamente, come sostiene peraltro il Premier, il paese è chiamato a ripartire e coltivare le sue risorse più preziose, ossia le persone con il capitale umano che mettono a disposizione della crescita individuale e di tutta la società, rimane comunque un dato di fatto e, recependo il monito del Colle, rappresenta una possibilità per il parlamento.

Di contro i dietrologi sostengono che non sia il dialogo ed il recepimento del consiglio Quirinalizio ad aver mosso Renzi, bensì la consapevolezza di un piano non completo ed esoso, senza adeguate coperture per la stabilizzazione dei precari. Conscio di ciò, ma al contempo impossibilitato a non mantenere la parola data ai precari dell’istruzione, il Presidente del Consiglio da eccellente stratega avrebbe all’ultimo secondo buttato la palla nelle mani altrui, prendendo contemporaneamente tempo. Non è nuovo alla tattica della ricerca di un avversario: i gufi; i frenatori; i sindacati; la casta; i poteri forti; le banche; gli ipertutelati del lavoro (che poi a ben vedere sarebbero i dipendenti con il vecchio contratto a tempo indeterminato). Ora è la volta del bersaglio grosso: il Parlamento. Comunque vada Renzi si è posto nella condizione vincente, in questo gli si deve riconoscere un set di marce in più. Se il Parlamento riuscirà a discutere e concludere la riforma mantenendo la stabilizzazione dei precari entro i tempi stabiliti, il Premier potrà fregiarsi del risultato conseguito sfatando le accuse di autoritarismo e potrà sempre ed in ogni momento usare questo esempio per testimoniare la sua apertura e propensione al dialogo con le Camere.
Se al contrario non fosse possibile giungere negli stretti tempi necessari a risolvere la questione dei precari, l’ex sindaco di Firenze potrà affermare che la colpa è del Parlamento che non ha a cuore il bene del paese e dei lavoratori coinvolti, ma solo il proprio tornaconto partitico e/o personale; potrà allora addurre questo esempio per giustificare l’uso del decreto, solo ed esclusivamente finalizzato a portare a compimento le riforme “scomode” e perciò osteggiate dagli avversari che compongono quella palude che lui vorrebbe bonificare come fosse un Agro Pontino. In quest’ultima ipotesi tra l’altro Renzi , oltre a mettere a tacere le accuse di autoritarismo, avrebbe l’opportunità di fortificare ulteriormente la sua posizione in vista di eventuali elezioni anticipate che potrebbero tornargli molto utili, dando per scontata una sua vittoria in assenza di avversari realisticamente all’altezza, per affrontare la questione delle riforme costituzionali che necessitano di 4 passaggi parlamentari senza subire modifiche: partita delicatissima e spinosissima qualora mancasse un adeguato supporto sia del governo che interno al PD, ambedue al momento non scontati. È perciò evidente come una maggioranza tutta Renziana possa tornargli estremamente comoda.

Anche in questa vicenda, non costituendo eccezione a tutte le altre sia passate che future, i detrattori ed i sostenitori del Premier hanno elementi per fortificare la propria posizione. Del resto se la visione di partenza è già polarizzata si è portati a credere solamente a ciò a cui si vuol credere quandanche non si abbiano sufficienti elementi di certezza ad avvalorare la propria posizione.

Quale che sia lo spirito che ha convinto il Premier ad abbandonare il decreto è oggettivo che il Parlamento è chiamato a discutere un tema chiave, uno di quelli in cui non si può essere approssimativi per la volontà di fare presto. Sulla scuola, che è sinonimo di futuro, è corretto riflettere un minuto in più, prendere un poco di tempo. Dalla formazione e dall’istruzione dipenderà gran parte dello sviluppo del nostro paese ed il sistema scolastico-universitario ha chiaro bisogno di essere modernizzato, attualizzato, reso meritocratico e collegato proattivamente a quel mondo del lavoro dal quale è diventato sempre più avulso ed estraneo. Responsabilità delle Camere è sfruttare questa opportunità per dimostrare la propria serietà spesso latitante partorendo in tempi ragionevoli, ma commisurati alla portata della riforma, un risultato davvero concreto e migliorativo sulla nostra scuola. Se sarà raggiunto l’obiettivo di una Scuola davvero Buona allora l’eventuale slittamento di qualche mese (si parla di passare da settembre a marzo) della stabilizzazione dei precari sarà un prezzo assolutamente ben pagato ed anche loro stessi ne trarranno, con appena qualche mese di ritardo, un beneficio maggiore e più duraturo.

04/03/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale