Archivi Mensili: luglio 2015

Tsipras ha un piano! 12 miliardi in due anni, ma superiori agli 8 rifiutati dal referendum…

La Grecia ha presentato in tempo utile il proprio piano di riforme alle Istituzioni europee, che nella giornata di venerdì 10 saranno chiamate a discutere.

L’entità del piano greco è di ben 12 (alcune cifre parlano di 13) miliardi in due anni (10.5 il primo anno e 2.5 il secondo), superiore rispetto agli 8 previsti dalla bozza presentata dalla Commissione e sulla quale si è pronunciato, negativamente, il referendum popolare ellenico. Per la grecia 12 miliardi equivalgono al 5% del PIL, praticamente come se in Italia si facessa una manovra da 100 miliardi in due anni: difficile chiedere alla Grecia ulteriori sforzi. Già questi parrebbero eccessivi ed insostenibili e gettano dubbi sull’efficacia, nel medio periodo, della soluzione che in questo weekend verrà necessariamente trovata.

Le posizioni all’interno delle istituzioni rimangono contrastanti. Tra i più critici c’è il solito Schauble che avrebbe detto che non vede possibilità che la strategia greca possa far cambiare la sua opinione, cioè di lasciare al Grecia al verde. Altri, come il Presidente di Commissione Juncker, risultano più propensi alla trattativa ed a raggiungere l’obiettivo, condiviso quasi universalmente, di mantenere la Grecia nell’Euro, nonostante un atteggiamento delle Istituzioni più duro a caUSA del rferendum.

Se il valore di 12 o 13 miliardi pare più che accettabile, come entità complessiva del provvedimento, da parte della ex Troika, va capito quanto le istituzioni vorranno insistere sulla necessità di specifiche riforme a prescindere dai numeri. Un tempo alla Commissione era sufficiente far quadrare i numeri, adesso c’è la pretesa, richiedendo una importante cessione di sovranità, di influenzare anche i singoli provvedimenti, non solo tramite consigli, ma vincolando l’accettazione del piano. Evidente che la Grecia si trovi chiusa nell’angolo, perché, se il piano non verrà accettato entro lunedì, le banche non potranno riaprire, sarà crisi totale di liquidità ed il contesto sociale precipiterebbe. Gli effetti negativi di una nuova deriva dei negoziati sarebbero immediati per Atene, un po’ più lenti, ma altrettanto gravi, per l’Europa. La “proposta Tsipras” verte (per approfondimenti Vittorio Da Rold il Sole24) sul’estensione delle aliquote IVA, sull’eliminazione delle agevolazioni fiscali per le isole, sull’aumento delle imposte societarie, sullo stop alle baby pensioni e conseguente innalzamento dal 2022 a 67 anni dell’età pensionabile, sulle privatizzazioni di porti ed aeroporti e sulla vendita dei titoli della società ex statale di TLC ancora detenuti da Atene e di altre partecipate (a meno della società di energia). Per quel che riguarda il surplus primario esso è previsto a 1% – 2% – 3% – 3.5% rispettivamente per 2015-2016-2017-2019.

Indubbiamente il piano del primo ministro ellenico è austero e difficilmente avrà il consenso delle ali più radicali di Syriza e di coloro che al referendum popolare hanno votato OXI, no, alla proposta delle Istituzioni da 8 miliardi. Proprio per tali ragioni Tsipras, che dovrà far approvare la manovra dal Parlmento Ateniese, sta lavorando per non rischiare un veto, cercando di allargare la sua maggioranza ai partiti greci To Potami, Nea Dimokratia e Pasok, ai quali ha consegnato la riforma complessiva, prima che ai creditori.

Non viene menzionato il debito greco e la sua ristrutturazione, ma neppure si parla di investimenti concreti a sostegno della crescita. In questo momento tutte le attenzioni sono rivolte al risparmio, al taglio della spesa e non, come sarebbe importante, a piani di sviluppo, investimenti strutturali, occupazione per rendere, l’ancora assente, ripresa greca, quando sarà, più stabile. Quasi sotto silenzio, probabilmente per le ritrosie di Schauble che sta tenendo in scacco anche Merkel ormai convinta della necessità di mantenere la Grecia nell’Euro ma vincolata al contempo a mantenere gli equilibri della grande coalizione tedesca, sono passate le importanti parole dell’FMI, che dietro pressione della FED e di Obama, hanno confermato la non sostenibilità del debito ellenico. Quello che si può percepire è che senza una rivisitazione in termini di tempistiche o tassi, non volendo applicare un vero haircut, si tratti sempre e comunque di soluzioni estemporanee per comprare tempo, prolungando l’agonia greca e la crisi economica europea, perché i problemi, poi, si ripresenteranno con gli interessi.

Stanti così le cose, ad avere le spalle contro il muro è Tsipras, infatti il premier ellenico con questa sua proposta pare aver allentato e di molto le sue pretese, quasi deponendo le armi, dopo l’uscita di scena Varoufakis. Le conseguenze di un mancato accordo porterebbero direttamente Atene, lunedì prossimo, a non essere in grado di riaprire le banche, verrebbe meno la liquidità, non potrebbero essere pagati stipendi e pensioni, men che meno saldato il debito con la BCE a decorrenza 21 luglio. Le conseguenze per l’area Euro sarebbero invece più lente, ma una eventuale uscita della Grecia dalla zona euro (che rimane una ipotesi, anche se molto lontana) sancirebbe la disfatta del progetto Europeo, delle sue istituzioni, della sua politica, e dell’obiettivo del “What ever it takes” di Draghi.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Attendendo il piano greco un fine settimana a ritmo di Sirtaky e dall’aroma di feta

Chissà come si saranno sentiti la precisa e puntuale commissione UE e la meticolosa Merkel quando Tsipras si è presentato all’Euro Gruppo, convocato con estrema urgenza proprio per provare a dirimere la crisi greca, senza un piano di riforme da sottoporre loro.

Il leader greco, dimostrando forse un po’ di superficialità ed impreparattezza ad una situazione che sia lui che le istituzioni, avrebbero volentieri concluso prima, ha avanzato solo richieste orali, affermando che è disposto ad accettare quanto proposto mercoledì passato dalla Commissione, a meno di alcune modifiche per renderlo accettabile dal Parlamento di Atene, modifiche che ovviamente rappresentano il nodo della discordia.

Tsipras vorrebbe mantenere l’IVA agevolata per le attività turistiche e sarebbe disposto a rivedere la richiesta di taglio del 30% del debito in favore di un ricadenzamento, allungando le scadenze e limando i tassi. Le istituzioni invece vorrebbero aggiungere i tre livelli di IVA, pensionamenti da subito a 67 anni, avvio di un pesante processo di privatizzazione. Come già accaduto non sono le cifre in ballo a rappresentare un problema, la Grecia arriva al 2% del PIL europeo, ed i programmi proposti dal primo ministro ellenico e dalle istituzioni non sono distanti, la vera questione è la volontà politica di creare o meno un precedente, che in ogni caso si verrà a creare qualunque sia l’epilogo.

Tsipras ha affermato che l’andare senza piani scritti rappresentava l’inizio della trattativa, in realtà è possibile che, dopo l’avvicendamento al ministero delle finanze tra Yannis Varoufakis e Euclides Tsakalotos, un piano condiviso e sottoscritto anche dal nuovo ministro non ci sia ancora. Nonostante ciò Tsipras ha richiesto il versamento, con beneficiaria Atene, di 7 miliardi di € per consentire di arrivare a fine luglio evitando il fallimento. Se entro due giorni Atene non sarà rifornita di liquidità le banche non avranno più soldi e sarebbe il default, con conseguenze ignote sul destino della Grecia all’interno dell’area Euro; per far fronte a ciò Atene ha richiesto una estensione del programma di assistenza ELA, fermato ad 89 miliardi dalla BCE come conseguenza del mancato pagamento di 1.6 miliardi all’FMI il 30 giugno. I denari servirebbero al governo greco per pagare stipendi e pensioni e per rimborsare i circa 3 miliardi che devono alla BCE entro il 21 luglio. La proposta è stata immediatamente rifiutata dalla Merkel: “Prima i piani di riforma e poi gli aiuti” ha tuonato il cancelliere tedesco, mentre Tsipras vorrebbe gli aiuti per poter intavolare, in luglio, nuove trattative con le Istituzioni per un piano condiviso. Nel frattempo è stata paventata l’ipotesi di un prestito all’ellade di circa 3 miliardi, ossia i profitti della BCE sui titoli greci, ma questa somma è sufficiente solo per adempiere gli obblighi dello stato (stipendi e pensioni) oppure per ripagare la BCE il 21 luglio.

In sostanza l’Eurogruppo si è concluso con un nulla di fatto, la tensione continua a tagliarsi con il coltello, ancora nessuno sa come, in caso di default ellenico, procedere: far uscire la Grecia dall’Euro o dichiararla “semplicemente” insolvibile? IN ogni caso le decisione sarà in capo all’Europa che ha in mano il proprio destino.

Al momento le Istituzioni hanno chiesto ad Atene un piano entro giovedì sera, massimo venerdì mattina, da poter discutere domenica nei vertici straordinari e d’urgenza a 19 e 28. Sono stati convocati anche tutti e 28 gli stati membri proprio perché in caso di uscita della Grecia dall’Euro, ipotesi che riteniamo difficile, ma che nessuno, incluso Juncker, ancora smentisce, l’impatto sarebbe su tutta l’Europa (e non solo).

La partita è di livello globale, come tale i giocatori non sono solo gli stati europei o immediatamente limitrofi, ma anche le altre potenze mondiali. In particolare USA, Russia e parzialmente la Cina. Il default greco, e nel caso peggiore l’uscita dall’area Euro, complicano lo scenario almeno su due livelli: il primo prettamente economico, in quanto uno scossone europeo che coinciderebbe con la disgregazione di tutto il progetto per come è stato conosciuto fino ad ora, con la decadenza del principio di irreversibilità della moneta unica, e con l’ammissione di fallimento del “What ever it takes” di Mario Draghi, sarebbe potenzialmente in grado di rallentare la ripresa anche in aree geografiche molto lontane, come appunto in Usa ed in Russia; il secondo livello è invece di tipo strategico, perché, a seconda della sorte greca, essa sarà portata ad orientarsi ad est piuttosto che ad ovest.

La Cina si sta muovendo alla conquista del vecchio continente procedendo all’acquisizione di quote in importanti società (ascesa sopra il 2% di Intesa è stato l’ultimo colpo in Italia) operanti in settori strategici (energia, oil&gas, trasporti, tlc, finanza, minerario, acciaio). Ovviamente la possibilità, qualora la Grecia venisse “abbandonata” dall’Europa, di supportarla in cambio di basi o avamposti strategici, teste di ponte per il vecchio continente, è quantomai allettante, così come lo sono le privatizzazioni che le Istituzioni UE chiedono a Tsipras. Di particolar interesse risultano il porto del Pireo, tutto il settore navale e la flotta commerciale greca, che per tonnellaggio è la più grande la mondo. Al momento l’interesse Cinese alla vicenda sta un po’ scemando a causa dei crolli finanziari che stanno colpendo l’estremo oriente: perdite di borsa di ordini di grandezza superiori a tutto il problema greco, basti pensare che in un sol giorno (la settimana scorsa) sono andati bruciati denari pari all’equivalente del valore di tutta la borsa di Parigi.

Gli USA, direttamente dal Presidente Obama, hanno fatto pervenire una telefonata alla Merkel (notare, non a Bruxelles, Juncker o chicchessia, ma a Frau Merkel) per riconfermare la necessità di una permanenza greca nell’Euro. Anche l’ammorbidimento delle rigide posizioni dell’FMI, con la conseguente dichiarazione (quasi certificazione, ma più una semplice conferma) di insostenibilità del debito greco, sembrerebbe figlio dell’operato del presidente statunitense, assai preoccupato che la situazione greca comporti il rallentamento della sua economia. Gli USA temono inoltre un avvicinamento della Grecia, la cui posizione, crocevia tra Europa e Medio Oriente, è strategica, alla Russia.

Dal canto suo la Russia ha offerto, se richiesto, aiuto ad Atene, proprio per l’interesse affinché lo stato ellenico entri nella sua orbita in caso di default. Oltre alla posizione militarmente e geo-strategicamente importante, a Putin interessa l’energia, in particolare alcune concessioni esplorative/estrattive nell’Egeo, ma soprattutto il passaggio del gasdotto Turkish Stream che consentirebbe di portare Gas russo in Europa (uno dei maggiori mercati russi) evitando la complicata ed instabile tratta Ucraina, altro nervo scoperto ed ancora dolorante nella politica estera interna o prossima all’Europa. Per tale progetto infrastrutturale poco più di due miliardi di € sono già in procinto di essere bonificatati al governo ellenico.

Ora non rimane altro che attendere il il piano di riforme del governo Tsipras ed il conseguente vaglio da parte delle istituzioni durante i vertici fissati per domenica.

Un fine di settimana a ritmo di sirtaky e dall’aroma di feta.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Il “No” al Greferendum: UE e Tsipras hanno una strategia?

delfi-la-piziaAlla fine l’oracolo ha detto “No”.

Il risultato del referendum greco era solo fino a qualche giorno fa scontato, tanto che a ridosso della data fatidica si sono susseguite intimidazioni, dai toni duri, da parte delle istituzioni europee, con l’intento di influenzare il voto verso il “Sì”. Il referendum, Greferendum: il bluff europeo del derby Dracma-Euro, con il Premier Renzi che lo ha definito, dando spalla alla Merkel, come un derby tra Dracma ed Euro. Affermazioni infondate, come del resto probabilmente infondata l’illazione del Financial Time, subito smentita, di una maxi-patrimoniale del 30% sui conto greci superiori ad 8’000 €. Il tentativo evidente da parte dell’organo di stampa della finanza, ed in particolare della City, era quella di spaventare gli elettori orientandoli al “Sì”, esito che i mercati avrebbero preferito perché avrebbe spianato la strada ad uno scenario noto e non completamente incerto come in caso di “No”. In precedenza inoltre, c’era stato il blocco dell’ELA (linea di credito di emergenza) ad 89 miliardi di € da parte della BCE, motivato dall’insolvenza Greca nei confronti dell’FMI. Vero è che la BCE, per statuto, non può erogare linee di emergenza in situazioni di insolvenza, ma è anche vero che, sempre per statuto, la BCE deve essere il prestatore di ultima istanza per evitare di lasciare le banche a corto di liquidità, cosa verificatasi in Grecia.

L’attesa dei sondaggi era per un testa a testa fino all’ultimo voto, con i “Sì” in continua ascesa. Anche in questa occasione, come ormai di consueto, i sondaggi hanno errato clamorosamente e la bagarre non si è verificata, anzi è stato un risultato quasi oltre ogni più rosea aspettativa di Tsipras, con circa il 65% degli elettori andati alle urne (quorum al 40%), circa il 62% per il “No” ed il 38% per il “Sì”.

Il risultato delle urne apre a scenari complessi ed ignoti.

Da una parte vi è Tsipras, dal cui Governo si è dimesso il ministro Varoufakis quasi in pegno alle istituzioni, che deve capire come muoversi. La sua proposta di programma era giunta ad essere molto prossima a quella Europea, a meno di qualche dettaglio e soprattutto della determinazione di Tsipras di ristrutturare il debito greco del 30%. La ristrutturazione del debito è stata anche valutata, e ritenuta una via percorribile, addirittura dall’FMI; del resto l’entità monster di tale debito lasciava già da tempo intendere che altre vie, se non un default controllato, non sarebbero state percorribili con efficacia. Probabile che Tsipras si ripresenti con proposte simili: ristrutturazione del debito ed abbandono dell’austerità lineare per le classi più disagiate, per i giovani sui quali si è riversato il debito dei padri e che sono coloro che più rischiano con politiche di rigida austerità e per i disoccupati. Nel mentre però il tempo scorre ed i denari delle banche sono sempre meno, così come i liquidi, pochissimi e centellinati, a disposizione del popolo per mezzo dei bancomat. Se la BCE, in riunione il 6 luglio, non acconsentirà ad un incremento dell’ELA le banche non avranno più denaro e di qui a pochi giorni anche la stessa Grecia non riuscirà più a pagare stipendi e pensioni con conseguenti disagi e scontri sociali. Forse, per non venire meno allo statuto che vieta il meccanismo ELA per stati insolventi, verrà trovato un altro nome, ad esempio, come paventato da Schultz con tono intimidatorio e quasi sprezzante, sostegno umanitario. Il gioco di Tsipras quindi potrebbe aver vita di qualche ora, forse non 48 come aveva pronosticato Varoufakis, ma poco di più.

Dall’altra parte si trova l’UE, spiazzata e senza idee su come gestire la situazione. Per il momento la strategia, incompressibile quanto infantile, è quella di continuare a fare la voce grossa, affermando da ogni parte che con la sua scelta la Grecia è andata a sbattere contro un muro: le trattative saranno ora più difficoltose. La frenesia con cui il Pesidente di Commissione Juncker ha contattato tutti i ministri del tesoro alla vigilia del loro incontro, la riunione d’emergenza tra Hollande, Merkel, e istituzioni UE (senza Renzi) ed il seguente (quasi per informare sulle decisioni prese il giorno prima) summit UE convocato dal presidente del Consiglio UE Tusk, sono chiara testimonianza della preoccupazione che aleggia nell’aere di Bruxelles.

La preoccupazione non si ritiene sia per i piani proposti da Tsipras, legittimato per la seconda volta, che tutto sommato potrebbero essere accettabili, come ipotizzato dall’FMI, considerando che con la concessione dalla ristrutturazione del debito, vero obiettivo greco, nel negoziato le istituzioni potrebbero richiedere aggiustamenti altrove, che Tsipras probabilmente sarà flessibile nel dare. Il vero fardello dell’UE è che non ha idea di come agire. Evidentemente non può essere realizzata la GrExit (anche se istituti di rating la danno sempre più probabile) che avevano intimato, ma parimenti non c’è volontà di concedere a Tsipras ciò che richiede, per la preoccupazione di un effetto domino che andrebbe ad espandersi in molti altri stati, in particolare se prossimi alle elezioni (Spagna, Irlanda, Portogallo ecc).

Alle porte si paventano nuove trattative, lunghe, forse accompagnate da un meccanismo per non lasciare la Grecia senza liquidità. La Grecia, tecnicamente già in default poiché insolvente, lo diventerà ufficialmente con il 21 luglio in caso non riesca (e non ci può riuscire) a pagare oltre 3 miliardi alla BCE. Come triste consuetudine ormai, anche questa circostanza ha mostrato l’incapacità dell’Europa, per com’è configurata in questo sua assetto “nazional-germanico-centrico di stampo Schaubleiano”, di far fronte a situazioni complesse e di difficile gestione. L’UE, colpevolmente perché di tempo ce ne sarebbe stato dal 2011 ad oggi, non ha saputo elaborare alcun piano che prevedesse uno scenario simile. Ha sempre pensato che la sola risposta utilizzabile fosse il rigore dei conti ed il rispetto dei paramenti sempre e comunque, senza usare quella flessibilità che ha giovato all’economia USA, mostrando una rigidità mentale ed intellettuale che, nel mondo globalizzato, relega ai margini di ogni possibilità di sviluppo. Si trova ora di fronte a qualcosa che non sa affrontare, mai ipotizzato, e per questo il rischio di grossolani errori è altissimo. Fino all’ultimo, le campagne elettorali per il referendum portate dall’UE hanno sempre punto a spaventare i greci proponendo come conseguenza di un “No” l’isolamento e la povertà che, forse non noto alle istituzioni, in Grecia stanno già vivendo. In questa propaganda si sono cimentati tutti, ovviamente i più falchi come Schauble, Merkel, Tusk, Dijsselbloem, ma anche, ed inaspettatamente per com’era fautore del cambiamento e della flessibilità dei conti, il socialista Schultz e Renzi. Una coesione impensabile tra così differenti parti politiche.

In questo si aggiunge anche lo svanire di una promessa, quella che per le elezioni europee del maggio scorso ogni parte politica aveva sottoscritto: lavorare per un cambiamento dell’Europa, che la rendesse più umana, solidale, solida e prospera, più simile e vicina a quella pensata dai padri fondatori.

Da questo weekend greco e dalla ritrovata unione di tutti gli esponenti europei, pare invece di evincere, col consueto auspicio di errore, che la volontà (ma forse anche la capacità di utilizzare nuove modelli econmici) di perseguire il cambiamento non c’è, e questo è un problema.

Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

Greferendum: il Bluff europeo del derby tra Dracma ed Euro

Continuando a seguire quella crisi ellenica che ormai tutti chiamano tragedia greca, è molto interessante notare come lo scontro, da un braccio di ferro dapprima economico, poi in politico con posizioni tra le controparti davvero prossime, discostanti di solo pochi spiccioli rispetto a quanto è costata fino ad ora questa “tiritera”, si sia trasformato in lotta psicologica e di nervi, con al centro il popolo greco.

Ricordiamo, anche se non ce ne sarebbe la necessità, che il referendum greco, il quale, a valle della conferma della Corte Greca di poche ora fa, si terrà domenica 5 luglio, chiede al popolo se accettare o meno il piano proposto dalle istituzione UE. Programma che peraltro non è più neppure l’ultima versione, ma a ben vedere questo è un dettaglio poco importante, perché il vero quesito a cui i greci si sentono di dover dare risposta è se accettare la prosecuzione di una politica volta all’austerità ed ai tagli lineari rispetto ad un cambiamento di paradigma, invero ancora da implementare a dovere, ma con l’obiettivo di preservare e difendere lo stato sociale ed il welfare.

La domanda è abbastanza chiara e non tira assolutamente in ballo la permanenza o meno dei greci nella zona Euro. Nonostante ciò le controparti europee, avverse ai piani di Tsipras e timorose della vittoria del “NO”, hanno già da tempo impostato la loro campagna elettorale in favore del “SI” su un terrorismo psicologico nei confronti dei greci, insistendo a ribadire che il referendum è la scelta tra Dracma ed Euro e pertanto il destino della Grecia, povertà, svalutazione, isolamento contro prospettive di risanamento e crescita,  è in mano agli stessi cittadini ellenici.

Il gioco dei sostenitori del “NO”, e tra questi oltre a Germania e tutte le istituzioni europee, va annoverato anche Renzi che ha descritto il referendum come Derby tra Dracma ed Euro, è quello di terrorizzare i greci cercando di far credere loro che conseguenza diretta ed imprescindibile di un “NO” sarebbe l’uscita automatica della Grecia dall’Euro. La leva su cui l’UE si appoggia è la consapevolezza che la maggior parte dei Greci, circa il 65%, vuole mantenere la moneta unica, consapevole che una uscita comporterebbe altra povertà principalmente per i cittadini, le persone comuni e quelle più povere, ossia le più duramente colpite da crisi ed austerità.

La realtà è differente, e quella della istituzioni è un bluff. Il referendum non ha alcuna connessione con il ritorno alla Dracma ed il destino della Grecia, inteso come permanenza nella moneta unica, non è nelle mani dei greci a mezzo del referendum, bensì, come al solito, il futuro ellenico, e con esso anche di tutto il progetto europeo come economia, politica e società unificata e solidale, è nelle mani delle istituzioni UE. Sta a loro infatti, a valle degli esiti del referendum, decidere se sbattere o meno la Grecia fuori dall’Europa ed usarla da esempio per gli indisciplinati, come si suoleva fare in tempi assai più bui di quello in corso.

In caso di vittoria del “SI” le Istituzioni si attendono le dimissioni di Tsipras, l’applicazione dei loro (nuovi e rielaborati) programmi e soprattutto un governo più amichevole.

In caso di “NO” invece le Istituzioni si troverebbero al bivio, se far avverare le loro intimazioni ed avviare la procedura di uscita della Grecia dall’Euro (procedura che probabilmente neanche esiste, essendo una ipotesi mai contemplata), oppure se, come intende fare Tsipras, riaprire le trattative ed i negoziati.

Il ritorno alla Dracma è evidentemente un mero spauracchio che non si avvererà perché, a parte il costo per la Grecia, tale circostanza getterebbe l’intera economia globale in un territorio davvero inesplorato e potenzialmente ingestibile. Nessuno infatti sa come i mercati ed i grandi capitali potrebbero riorientarsi in seguito ad un simile evento, tant’è vero che dagli USA alla Cina passando per la Russia, spingono per risolvere “pacificamente” la disputa.

Che lo stesso Bruxelles Group non sia convinto di una GrExit lo si è sentito dire dal Commissario Moscovici, non un ultimo arrivato qualunque, il quale ha confermato che, a prescindere dal referendum, i lavori proseguiranno e la direzione è quella di mantenere la Grecia nell’Euro, unico posto ove può collocarsi. Chiaro è che essendo le stesse Istituzioni a dover espellere la Grecia (e non è la scelta dei greci con il referendum), se esse ritengono non sia opportuno (come ritengono) non lo faranno. Svelato quindi il probabile Bluff.

Da ciò si evince che la situazione non sta ancora vedendo la fase risolutiva, nè le istituzioni hanno chiaro che fare in caso di vittoria dei “NO”. Ulteriori trattati che condurranno ad una ristrutturazione (il 30% come chiede Tsipras?) del debito ellenico sono ancora alle porte. Nel frattempo le banche elleniche, per riaprire i battenti hanno necessariamente bisogno di un aumento del tetto ELA della BCE che dovrà pronunciarsi lunedì 8 in occasione del direttivo.

Solo per dare altra riprova di come il costo di questa crisi esacerbata sia ingiustificato dal peso della Grecia nell’economia UE, va detto che a valle del mancato accordo tra Grecia ed Istituzioni in uno degli ultimi incontri, le borse UE hanno perso in un sol giorno 287 mld (ed è uno dei tanti episodi), danari superiori al PIL greco e di poco inferiori al suo debito.

Che dite, non conveniva salvare la Grecia prima, dimostrando forza di coesione europea che tanto sarebbe valsa e tanta autorevolezza avrebbe conferito al nostro continente agli occhi delle altre potenze mondiali? Per me si.

03/07/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

 

 

Dubbi su Greferendum: se Atene piange, stavolta Sparta (Merkel) sorride

Il termine è scaduto, ma al momento tutto è ancora in stand-by e quale sia il destino della Grecia tra default controllato, default, uscita dall’euro, accettazione del piano UE o viceversa imposizione delle proprie richieste alla Commissione, è ancora un mistero, nonostante il rating sovrano portato a “Selected Default”.

La data, entro la quale il rimborso all’FMI di 1.6 mld avrebbe dovuto essere restituito, è stata oltrepassata senza corrispondere la somma. Ad oggi, nessuno sa ancora come comportarsi e ciò è segno di assoluta impreparatezza dei leader che da svariati anni hanno condotto le trattative, esacerbandole fino a questo epilogo. Di sicuro si sa che negoziati e gli incontri continuano, quasi come se la scadenza tutto sommato contasse il giusto. C’era da aspettarselo, perché fino alla fine ognuno ha pensato che la controparte, sotto la pressione del “timing”, avrebbe ceduto. Addirittura anche l’Italia, fino ad ora inconcepibilmente assente dai summit di primaria importanza, pare essere maggiormente coinvolta, anche se in modo tardivo e quando la voce in capitolo che può avere, è pressoché nulla. L’elemento al quale si può addurre, ma non esclusivamente, questo terzo tempo è il referendum che Tsipras ha indetto per il 5 luglio. Un referendum non sull’Euro, moneta che oltre il 65% dei Greci vuole mantenere ed entro la quale lo stesso Tsipras è convito di restare per ovvie ragioni di sopravivenza, ma se accettare o meno il piano proposto dall’UE.

La conformazione del referendum è stata fin da subito strana, innanzi tutto si concede di votare, su una materia altamente tecnica e complessa che vede anche fior di esperti divisi nelle opinioni, ad un popolo in balia della povertà e del disagio, quindi forse non completamente lucido. Detto ciò, va bene ed è giusto così, perché si tratta di democrazia ed analogo ragionamento può essere applicato a qualsivoglia di forma di democrazia “consultiva diretta” e quindi a qualsiasi votazione (questioni etiche in primis). Quel che ha lasciato più dubbi però, è l’assenza di un testo, che abbia corso di validità al momento del voto, su cui, appunto, il popolo dovrebbe pronunciarsi.

A Tsipras, fino ad ora, va dato atto di aver perseverato, seguendo sue idee e valori, senza cedere ed incondizionatamente. Condivisibili o meno le ragioni del Premier ellenico, gli vanno riconosciute una forza e risolutezza veramente non comuni, almeno dalle nostre parti, dove il panorama politico (non tutti i politici per carità, persone di valore si trovano anche nei palazzi del potere, ma in genere gli è impedito di agire in autonomia) è mediamente popolato da personaggi più “cedevoli”.

Sul referendum le opinioni sono discordanti: c’è che dice che Tsipras stia scaricando decisioni in capo alla politica sul popolo per lavarsi le mani in caso di sconfitta; c’è invece chi sostiene che sia un paladino della democrazia e della libertà.

In questa fase più concitata però, sembra che Tsipras sia vittima di timori, paure e perplessità. Parrebbe che abbia fatto una controproposta all’UE, sulla base di quella a sua volta ricevuta dalle istituzioni, a meno di 5 modifiche. In caso di accettazione il Primo Ministro di Atene sarebbe disposto a ritirare il referendum.

Questa mossa sembra davvero, e non il referendum in se, un tentativo di salvarsi in extremis, potendo tornare in patria e dire di aver strappato alla commissione molte, o le più importanti, dipende da come vorrà impostare il messaggio comunicativo, delle concessioni promesse in campagna elettorale.

In caso di referendum (Greferendum) invece, Tsipras potrebbe temere di uscirne sconfitto qualsiasi sia l’esito. Sicuramente sconfitto e forse con le dimissioni in mano in caso di “Sì” al programma UE, ma ora, anche in caso di vittoria dei “No”, v’è una ipotesi non considerata dal PM Greco a valle del lancio del voto popolare, ossia l’uscita della Grecia dall’Euro e non il “semplice” cambio di politica economica dell’Unione. Del resto le istituzioni UE, e con esse tutti i leader politici, hanno impostato la campagna per il “Si” sul piano del terrore per una GrExit che getterebbe la Grecia in una povertà solitaria (ma vanno anche considerate le reazioni di USA, Cina, Russia, Turchia). Se questo fosse lo scenario ne conseguirebbe che il risultato di Tsipras, e del referendum in ultima istanza, sarebbe stato quello o di non aver capito che il popolo greco era disposto ad accettare altra austerità (improbabile), oppure di aver gettato, con una nuova Dracma, la popolazione in povertà aggiuntiva rispetto a quella già presente (svalutazione del 30-50% dei patrimoni).

Stavolta, se Atene piange, Sparta ride, non a squarciagola, ma sorride. Sparta è la Merkel, probabilmente nell’ombra di Schauble, che avendo capito il rischio che Tsipras corre, e supponendo che possa valere da esempio per altri “spericolati pifferai”, pretende che ormai la Grecia vada fino in fondo con il Referendum, e da lì in poi si imposteranno, sulla base dei risultati, nuove trattative. Per la Merkel, in caso di “Sì” non vi sarebbero problemi (Tsipras sconfitto), in caso di “No” si riaprirebbero i negoziati, stavolta però con in mano delle istituzioni i documenti pronti per una GrExit, da sventolare sotto il naso di Tsipras qualora continuasse la sua inamovibilità.

A prescindere dalla posizione, come al solito interessata, del Cancelliere tedesco anche a Tsipras, giunto a questo punto, conviene portare il referendum fino in fondo. Anche lui ha tirato moltissimo la croda e cedere in questa fase sarebbe il peggior segno di debolezza, a meno di non ottenere condizioni eccezionali per il popolo greco, ipotesi neppure concepibile.

Purtroppo in tutto ciò, molto avvincente per appassionati di economia e politica (come me), si dimentica che l’obiettivo da perseguire dovrebbe essere il rafforzamento e la protezione degli interessi Europei, per una Unione differente, più solida, competitiva e prospera, ma tutto ciò non è mai stato realmente tenuto in considerazione.

30/06/2015
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale