Archivi tag: De Benedetti

Capacity Payment e Sorgenia: argomenti da scindere

Oggetto di molti articoli accusatori è stato il meccanismo di “capacity payment” con il quale lo Stato remunera per un totale di circa 150 milioni di € la disponibilità di alcune centrali termiche ad entrare in produzione, qualora ce ne fosse il bisogno. Le critiche sono principalmente rivolte agli incentivi, tacciati di aiuto di Stato, per Sorgenia, azienda che negli anni 2000 decise di puntare tutto sulle tecnologie a gas, in particolare a ciclo combinato, facente parte del gruppo CIR dell’Ing. De Benedetti e dell’austriaca Verbund. Le condizioni patrimoniali della società sono oggettivamente difficili, un debito, record per le dimensioni dell’azienda, di 1.9 miliardi di € dei quali 432 milioni relativi al Q3 2013. Nel caso Sorgenia entrerebbero poi meccanismi di giochi di potere che non vogliamo, né possiamo, per mancanza di elementi oggettivi, approfondire, si rimanda gli interessati all’articolo di Rizzo e Massaro sul Corriere della Sera.

Questa nota vuole mettere in luce alcuni aspetti del capacity payment sul quale non si deve generalizzare ed estrapolare dal caso Sorgenia.

La remunerazione della capacità è un meccanismo che consente di mantenere pronte e “calde” alcune centrali termoelettriche che in caso di emergenza possono entrare in produzione immediatamente, nonostante in condizioni normali siano fuori mercato, principalmente a causa della presenza massiva di rinnovabili (FER). Questa situazione richiede ovviamente costi di operation and manteinance per mantenerle funzionanti e sicure molto alti senza garanzia di rientro dal normale mercato; proprio a coprire tali costi serve il contributo statale. Il tutto può essere visto come spesa per la sicurezza nazionale poiché l’energia è un elemento la cui assenza potrebbe minacciare la sicurezza del paese: in gergo, si tratta di un bene strategico.

Le FER, su cui è giusto puntare, negli ultimi anni hanno proliferato, godendo nel nostro paese di incentivi enormi (svariati miliardi all’anno, ed il piano dell’ ex Ministro Zanonato per spalmarli su un periodo di tempo maggiore fino ad eliminarli non pare essere andato in porto), anche dopo che il mercato è abbondantemente arrivato a maturazione ed in certi casi dando copertura a grosse speculazioni. Inoltre le FER allo stato attuale della tecnologia non sono prevedibili e programmabili con precisione, come invece lo sono le energie convenzionali, non rendendo possibile dunque impostare precisi piani di produzione (si investe molto in storage ed algoritmi di forecasting, anch’essi retribuiti dallo Stato, per ovviare a queste imprecisioni, ma ad oggi la deficienza non è colmata). Il fatto di avere centrali pronte ad attivarsi in caso di emergenza negli anni scorsi ha salvato l’Italia da problemi di approvvigionamento energetico, in particolare durante le crisi tra Russia ed Ucraina, situazione che ora si sta ripresentando drammaticamente ed in modo assai più grave.

Da ricordare poi che gli anni dal 2008 in avanti sono stati molto negativi per il settore elettrico a causa di drastici cali dei consumi che in Italia hanno toccato i valori di decine di anni fa, in aggiunta le aziende produttrici sono state tassate ulteriormente con l’inserimento della Roobin Hood Tax totalmente a carico dei produttori che vale, per le aziende più grandi come Enel ed Eni, svariate centinaia di milioni di Euro annui. Questo contesto ha evidentemente ridotto in modo importante la competitività in Europa e nel mondo delle aziende elettriche operanti nel nostro paese ed ha comportato l’impossibilità di poter provare ad agire sul prezzo dell’energia che appesantisce le nostre industrie anche per via della tassazione e delle accise mai in diminuzione. Proprio per tali ragioni colossi mondiali come la tedesca E.On sta dismettendo gli impianti nel nostro paese con la prospettiva di andarsene definitivamente creando non pochi problemi all’occupazione di zone spesso già in difficoltà come la Sardegna e gravando sulla collettività ricorrendo agli ammortizzatori sociali; altre aziende invece hanno deciso di non ricorrere all’aiuto pubblico ed a contratti di solidarietà pagando in gran parte di tasca propria questa situazione, poiché nulla vieterebbe di chiudere le vecchie e poco remunerative centrali (principalmente ad olio combustibile, ma anche a gas) costantemente fuori mercato, gravando così sulla spesa pubblica e rischiando di rendere precaria la fornitura energetica in condizioni particolari (basterebbe un giorno di Black-Out totale per perdere quanto destinato al capacity payment).

Questo scenario ha permesso, non senza difficoltà oggettive che permangono, di sopravvivere alle sole aziende che hanno saputo diversificare e puntare su un vasto portfolio, sia tecnologico che geografico, cosa che Sorgenia, stando a quanto si legge, non ha fatto, scommettendo tutto sulla tecnologia, all’epoca molto promettente, del turbo gas.

Quanto detto non vuole nascondere un problema innegabile, che è quello dell’assenza di un piano energetico di lungo termine, che tenga conto delle mutate condizioni al contorno e del variare delle abitudini e dei consumi di aziende e consumatori e che dovrà puntare sull’innovazione, sull’efficienza energetica, sull’ottimizzazione degli impianti convenzionali grazie all’uso delle nuova tecnologie, sulla riduzione delle perdite di trasporto e distribuzione, sulla sostenibilità, sullo studio di un nuovo mix produttivo che ottimizzi l’uso combinato di FER e convenzionali e dovrà necessariamente aumentare gli investimenti in tali settori (il 3% destinato ad innovazione e ricerca sarebbe una buona percentuale, senza considerare i colossi come Apple, IBM, Google che investono oltre il doppio). Al contempo però non è neppure pensabile che la dismissione di vecchi impianti, la bonifica dei siti, l’onere di reimpiego dei lavoratori debba essere completamente a carico delle aziende. Fondi e contributi statali ed europei dovrebbero essere allocati ed il loro impiego costantemente monitorato proprio per la ridefinizione del piano energetico nazionale ed europeo convergendo verso un mercato unico e competitivo e la riconversione, andando incontro alle mutate esigenze, del parco produttivo attuale ricade a pieno titolo in questo contesto.

Va sottolineato infine che in Germania, oltre ad essere state incentivate le rinnovabili in modo forse più sostenibile, sussiste tutt’ora il capacity payment per gli impianti termoelettrici e questo potrebbe essere uno dei motivi perché aziende come la E.On, ma anche produttori non tedeschi, abbandonano il nostro paese o preferiscono la Germania, ove trovano migliori e più competitive condizioni per fare business e creare indotto nel paese ospitante.

Facendo la debita analisi costi-benefici, convenendo che tale meccanismo non deve essere un aiuto di stato (soldi pubblici devono sempre essere controllati) o, peggio, copertura per clientelismi partitici o personali, rammentando che milioni di euro sono annualmente destinati a fiere paesane, ad enti o municipalizzate senza utilità e non assoggettate a stretti controlli (prendere il caso del Salva Roma), ricordando che gli incentivi alle rinnovabili costano svariati miliardi di Euro nonostante il mercato sia ormai maturo, che vi siano state bolle speculative evidenti, che i costi di sistema, tra cui gli incentivi alle FER di cui sopra, sono la principale voce della bolletta energetica il cui ammontare è fattore ostante per la competitività delle aziende italiane, che la certezza delle fornitura elettrica deve essere certa sempre ed in ogni condizione, un contributo per il capacity payment in modo da garantire la sicurezza nazionale non sembra affatto una eresia.

02/03/2014
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

La distorsione mediatica dell’attività di Lobbying

Negli ultimi giorni, mentre gli emendamenti al DDL Stabilità venivano presentati e discussi, si è fatto gran parlare, a cominciare dalle cerchie di De Benedietti e Caltagirone, di Lobby e Lobbysti dando implicitamente per scontato, e trasmettendo tale messaggio all’opinione pubblica, che queste pratiche o persone siano, pur non sconfinando nell’illegalità, di certo prive di moralità ed etica e che mettano dinnanzi a tutto e tutti interessi personali ed aziendali. A sentire quanto scritto e detto su media e TG, verrebbe davvero da immaginare a persone ed aziende senza scrupoli, totalmente devote al dio Mommona. Ho avuto il piacere e l’onore di conoscere alcuni, per così dire, lobbysti e non mi sono trovato dinnanzi a squali avidi e bramosi, anzi ho trovato persone molto competenti, colte, padrone indiscusse della parola e del pensiero, a volte anche critiche nei confronti dell’azienda della quale fanno gli interessi.

Vale la pena ribadire che la generalizzazione non è mai cosa buona e che il nostro mondo individua e ricorda più facilmente il singolo episodio negativo rispetto ai tanti positivi. Ciò è tipico della mente umana, ne abbiamo un esempio stupidissimo pensando al passaggio sotto i caselli autostradali; riusciamo a ricordare solo le lunghe code rispetto alle situazioni per così dire normali ove non abbiamo dovuto aspettare nulla e che certamente sono state numericamente superiori. Ci si lamenta dunque delle attese, ma non si gioisce per un passaggio subitaneo e rapido sotto il casello.
Supponiamo che, come ovviamente è, nel mare magnum dei lobbysti vi siano elementi atti a fare il bene del gruppo che rappresentano a scapito di tutto e tutti, finanche della salute e della sicurezza pubblica. Essi potranno agire ed interfacciarsi con i salotti buoni, con la politica, con i decisions and policy makers, ma non hanno potere di voto. Di contro è la politica che si deve far carico di decidere e qui subentrano chiaramente almeno due elementi a riprova che la politica è fallace. Il primo punto è quello delle competenze; quelle trasversali ai campi necessari per la gestione della cosa pubblica, benché non in modo approfondito, doverebbero essere presenti, invece spesso latitano tra i decisori i quali si devono affidare ad altri che li assistano per prendere decisioni. Il secondo fattore è la corruttibilità della politica che, per proprio tornaconto sia esso garanzia di voti oppure finanziamenti al partito o al gruppo di turno, asseconda e si fa dirigere dai cattivi lobbysti.

Sempre e comunque, quando giunge l’ora di votare alzando la mano o scrivendo un nome, non v’è lobbysta che tenga, è il politico o il policy maker che nella sua mente, dovrà scegliere se servire il paese o meno. La partita ultima ha un singolo giocatore che è arbitro, quando non v’è l’ignoranza ad alienare il principio di libera scelta, di farsi guidare dalla coscienza o dall’interesse. Per l’ennesima volta è la moralità ed il servizio della politica alla cosa pubblica ed al cittadino che può sconfiggere ogni malformata pressione.

L’attività di lobbying ed il mestiere di lobbysta è avvolto dall’oscurità e molte leggende metropolitane si generano. La verità è che non v’è nulla di male o di intrinsecamente deviato in questo mestiere che risulta essere di grande utilità oltre che di una estrema bellezza, consentendo di rapportarsi con la società a tutti i livelli e nei più disparati contesti tanto da permettere una visione d’insieme difficilmente ottenibile altrove. La lobbying esercitata in trasparenza funge da anello di congiunzione tra la realtà ed il mondo produttivo con la politica che di questi tempi è evidentemente sempre meno capace di interpretare correttamente la società, anche a causa dei rapidi cambiamenti che coinvolgono tutti i contesti economico sociali e che difficilmente ambienti sostanzialmente statici e non avvezzi a modifiche nel modo di ragionare ed interpretare i contesti sono in grado di cogliere. Quello che manca è una regolamentazione ed un registro delle lobby che altrove esiste e che, a conferma che con la trasparenza si fugano i sospetti, gli stessi veri lobbysti gradirebbero e da tempo richiedono.

Il Governo italiano stesso, se fosse andato a scuola da veri professionisti del Lobbying e dell’Advocacy, forse avrebbe potuto avere più voce in capitolo nei confronti delle istituzioni europee e degli organi di Bruxelles ottenendo più concessioni, margini per investimenti produttivi, perdendo meno tempo e presentando meglio le ragioni e le conseguenze che il perseguimento cieco dell’austerity e del rigore porterà alla tenuta competitiva dell’Unione.

23/12/2013
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale