Archivi tag: Geo Politica

La forza italiana: dal caso Marò alla vicenda Kazaka passando per i “pasticciacci” nazionali

Da ormai due anni il nostro paese e la nostra diplomazia sono a lavoro, finora senza successo, nel tentativo di risolvere il caso dei due Marò ancora detenuti in India. Adesso, alla vigilia delle elezioni indiane, la situazione pare aggravarsi e nuove voci di una possibile condanna a morte per i nostri fucilieri, in ottemperanza alla legge indiana anti pirateria che infligge la pena di morte ad ogni omicidio commesso in mare, risuonano con fragore.
Nel frattempo ha avuto luogo la vicenda Kazaka, che pare risolta, di Alma Shalabayeva, moglie dell’oppositore politico Ablyazov, prelevata dalle forze dell’ordine italiane assieme alla figlia di 6 anni, messa su un aereo di dubbia nazionalità e rimpatriata, probabilmente contravvenendo alle leggi sui rifugiati politici. Il tutto senza che le competenti autorità governative, ministro degli interni incluso, ne fossero a conoscenza, tanto che alcuni vertici hanno dato le dimissioni ed il governo ha vacillato.

I rapporti commerciali con India e Kazakistan sono strettissimi, valgono svariati miliardi di € ciascuno.
Con lo stato indiano sono in essere diverse commesse per grandi opere civili e forniture sia civili che militari (ricordiamo gli elicotteri Finmeccanica/Augusta-Westland), inoltre il business dei servizi, dai call center allo sviluppo SW, ha trovato in quella zona il proprio baricentro mondiale, anche per le aziende europee.
Con lo stato kazako oltre a molte commesse civili ed ingegneristiche, parte dei progetti di ammodernamento infrastrutturale del paese iniziati nel periodo post sovietico, il tema dell’approvvigionamento energetico è di primissimo piano con stretti rapporti tra i governi e le major dell’ Oil&Gas, in primis la compagnia petrolifera Kazaka, KazMunayGas e lato Italia ENI, parte del consorzio NCOC (North Caspian Operating Company), impegnata in vari progetti, tra cui il più famoso e complesso è il giacimento del Kashagan che ENI stessa gestisce non senza problemi.

Sembrerebbe che per non ledere troppo i rapporti geo-politici e strategici le nostre istituzioni non riescano a negoziare con fermezza, forse perché ritengono che in caso di forti tensioni sia il nostro paese ad avere molto più da perdere nei confronti di India e Kazakistan di quanto non ne abbiano loro, i quali tra l’altro hanno criteri di rispetto dei diritti umani e civili decisamente inferiori. In sostanza il coltello dalla parte del manico non ce l’ha l’Italia benché abbia diplomaticamente deciso di far tornare in India i Marò dopo un permesso premio a ridosso della primavera scorsa, decisione definita “errore colossale” dall’ex ministro degli esteri Terzi.
Queste due vicende portano alla luce come l’autorevolezza del nostro Stato sia poca cosa agli occhi esteri, nonostante una diplomazia valida e rilevamenti che, per la questione indiana, collocherebbero il fatto in acque internazionali. A parità di condizioni e rapporti risulta difficile pensare che il comportamento indiano sarebbe stato il medesimo anche con strutture politiche ed interlocutori del calibro di Obama, Merkel, Xi Jinping, Cameron, ma anche Hollande.
Purtroppo pare che la volontà di non ledere i rapporti commerciali unita alla poca forza in politica estera del nostro governo, abbiano messo e stiano mettendo a rischio delle vite umane, perché per una vicenda simile oltre due anni paiono davvero troppi.

Restringendo il raggio di visione a temi più vicini ai confini, a rimarcare la debolezza e la poca fiducia riposta, trascurando le dichiarazioni di facciata, nel sistema politico italiano, vi è lo Spred decisamente calato, ma sovente più alto rispetto a quello Spagnolo, dove il sistema bancario ha vissuto più difficoltà e ove i conti pubblici non sono migliori di quelli italiani, ma dove la politica è più credibile ed agisce in modo più radicale e deciso in particolare per quel che riguarda le riforme, assecondando le direttive europee.
Ne sono altre dimostrazioni, nonostante le raccomandazioni di Bruxelles di mantenere una tassazione progressiva sugli immobili, delle quali i sostenitori dell’abolizione, ed a ruota molti altri, non si sono curati, il balletto increscioso sull’ IMU, ancora in corso ed il cui meccanismo non è del tutto compreso neppure agli addetti ai lavori; oppure il fatto che da otto anni si svolgano elezioni con una legge elettorale fin da subito ritenuta inadeguata ed ora addirittura incostituzionale; o ancora l’invalidazione da parte del TAR delle elezioni piemontesi del 2010, quindi a distanza di ben tre anni, per irregolarità nella raccolta firme di liste minori collegate alla Lega Nord; o più recentemente le dichiarazioni di Berlusconi di voler presentarsi, nonostante la pronuncia dei tribunali e l’impossibilità a livello legale, come capolista in tutte le regioni in vista delle elezioni europee di maggio ed eventualmente presentarsi in altre nazioni come Bulgaria o Malta. Probabilmente queste sono solo esternazioni che non avranno seguito, ma che, assieme agli altri episodi, contribuiscono ad abbassare ulteriormente agli occhi europei e mondiali l’autorevolezza del nostro sistema politico e governativo.

Poiché c’è la percezione che l’Italia da sola, fermo restando l’impegno dei diplomatici direttamente coinvolti, non abbia la giusta forza nella trattativa con l’India la quale forse in vista delle elezioni vuole mostrare fermezza e decisione, e che, in barba ad ogni etica, morale e responsabilità sociale, prevalgano logiche commerciali, strategiche e geo-politiche, l’unica soluzione per dialogare alla pari con l’India è quella, come suggerisce il Vice Presidente alla Commissione Europea Antonio Tajani, di mettere in discussione a livello europeo i gli accordi EU-India, poiché l’Europa non può permettersi di fare affari con paesi che non rispettano i diritti civili. La proposta è stata sottoposta al Presidente della Commissione Barroso ed a Catherine Ashton, responsabile EU per gli affari esteri, ma si dovrà capire quanti altri stati membri, non direttamente coinvolti nella vicenda, vorranno appoggiare la proposta sapendo che sul piatto vi sono i preziosi rapporti commerciali con un partner come l’India, paese in grande crescita e terreno fertile per proficui investimenti nonché bacino di quasi un miliardo di potenziali utenti-consumatori desiderosi di spendere quel poco che percepiscono come segno di emancipazione sociale e benessere e che nel 2028 diverrà probabilmente la terza potenza mondiale.
Se l’Europa riuscirà a lavorare come una squadra risolvendo la vicenda dei Marò sarà un forte segno di coesione e riprova dell’adagio che l’unione fa la forza. Nel frattempo in ogni caso l’Italia deve lavorare alacremente per recuperare autorevolezza e forza internazionale quasi compromesse.

11/01/2014
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Annunci

2013-2023: decennio, forse l’ultimo, a stelle e strisce?

In questo momento di congiunture macroeconomiche complesse e di grande difficoltà per il vecchio continente, stando ai dati pare che ad arrancare senza aver agganciato la ripresa in maniera incisiva siano solamente alcune realtà europee, cominciando dall’Italia, la cui situazione è ben nota.

Considerando invece gli USA, che rimarranno la prima economia mondiale almeno fino al 2028 anno in cui le previsioni indicano il sorpasso cinese ai danni degli Stati Uniti immediatamente seguiti dall’India, si notano evidenze di una tendente ripresa e crescita economica le quali, nonostante oggettive difficoltà persistenti, faranno sì che anche il prossimo decennio potrà essere made in USA.

Gli Stati Uniti, partendo dalla crisi dei mutui subprime, hanno dovuto realizzare immediatamente la gravità della situazione, si sono potuti muovere, benché già in ritardo, ben prima del vecchio continente ed hanno potuto usufruire di quell’esperienza della “seconda volta” che le ha consentito di reagire e mettere in atto in modo relativamente tempestivo politiche e piani atti a fronteggiare questo secondo acuirsi della crisi ben più penetrante ed estesa di quella del 2007/2008 e che coinvolge non solo la finanza, ma tutta la società in modo ben più pervasivo e trasversale.

I fattori che hanno dato agli Stati Uniti questa possibilità sono da ricondurre in parte a situazioni parzialmente fortuite (rivoluzione energetica) ed in parte a politiche, monetarie e di investimenti, che finora stanno dando ragione alla nazione di Obama.

Partendo dalla politica monetaria della FED di Ben Bernanke, essa è stata fin da subito molto accomodate e non ha assolutamente lesinato nell’iniettare enormi quantità di denaro principalmente facendo leva sulla possibilità di coniare e stampare e su acquisti massicci di titoli di stato pari a circa 85 miliardi di dollari al mese. Questi titanici acquisti stanno gradualmente cessando, si può dire che il tapering sia iniziato e proseguirà anche quando, a partire dal prossimo anno, ai vertici della FED si insedierà Jenet Yellen. Considerando la ritrosia nell’avviare il tapering, giustificata dai possibili impatti che questo provvedimento avrebbe potuto avere sui mercati, è plausibile che i segnali di ripresa USA siano più concreti di quelli che vengono resi pubblici o che il tepring sia già stato scontato. Parallelamente ai provvedimenti monetari, che hanno avuto il merito, cosa non accaduta in Europa e per la quale probabilmente abbiamo e stiamo tuttora pagando, di alimentare non il sistema finanziario e delle banche, ma direttamente l’economia reale, forse frutto della precedente esperienza del 2007/08, sono stati avviati importanti piani di sviluppo ed investimento in grandi opere, infrastrutture pubbliche, ricerca, telecomunicazioni e viabilità in grado di creare lavoro ed al contempo garantire profitto al paese nel lungo termine. Questa “fase 2” è partita non curandosi troppo del deficit e dei parametri che invece in Europa sono considerati il sancta sanctorum, il dogma ultimo e che tengono in scacco, condannandole definitivamente qualora non venissero rivisti, economie importanti e trainanti come l’Italia. Gli USA hanno un debito di oltre 17’000 miliardi di dollari (detenuto per circa il 1’100 miliardi dalla Cina), superiore al 100% del PIL, tetto che democratici e repubblicani, dopo trattative e negoziati estenuanti ma testimoni di come quando siano le sorti dell’intero paese ed essere messe in gioco in ultima istanza gli accordi volgano a conclusione (non come in Italia), hanno deciso di innalzare onde evitare il fiscal cliff. Il rapporto deficit/PIL è di circa il 4%, oltre lo storico 3% europeo ed il PIL USA è cresciuto, battendo tutte le previsioni, del 4.1% nel Q3 2013, gli indici borsistici, sostanzialmente ai massimi storici, nell’ultimo anno sono cresciuti di circa il 38% il Nasdaq, del 26% il Dow Jones, del 29% lo S&P500 (contro un circa +16% del FTSE-MIB). Che questa politica, adottata anche dal Giappone di Abe (indice Nikkei +55% circa dal 1 gennaio 2013), avrà solo ripercussioni positive ed eviterà il ripetersi ciclico delle crisi e delle bolle, che hanno fin qui caratterizzato lo sviluppo economico mondiale, è presto per capirlo, di certo tale approccio ha sbloccato l’economia ed ha dato una scossa decisiva in un momento cruciale.

Un secondo settore in cui gli USA stanno vivendo una violenta rivoluzione è quello dell’energia, indispensabile per una economia florida e produttiva, e fattore determinante delle scelte di business development delle multinazionali (lo sappiamo bene in Italia). La possibilità di estrarre shale-gas, presente in abbondanza, in modo relativamente economico grazie alle infrastrutture estrattive già presenti ed ai giacimenti petroliferi esausti, ha consentito agli Stati Uniti di raggiungere l’autonomia energetica garantendo alle imprese locali un costo della bolletta decisamente più basso (circa 1/3) che in Europa. Al contempo l’estrazione di petrolio ed i grandi investimenti in tecnologie verdi, energie rinnovabili, tecniche di abbattimento degli inquinati (come la CCS), efficienza energetica e delle reti di trasmissione/distribuzione elettrica, che a dispetto della completa liberalizzazione e del regime concorrenziale presente, sono ancora molto deficitarie rispetto agli standard italiani, sono proseguite consentendo agli USA di diventare un paese esportatore di petrolio, meno dipendente dal carbone rispetto al passato ed emettere meno gas serra. Tutte queste circostanza da un lato danno la possibilità di perseguire in modo più concreto politiche di riduzione delle emissioni e lotta ai cambiamenti climatici (vero cavallo di battagli delle propagande di Obama, più difficoltoso da attuarsi nei fatti), dall’altro consentono di allentare, al limite rescindere, quel legame, fino a poco tempo fa inesorabile, con le economie arabe e del Medio Oriente, caratterizzate da situazioni geo-politiche complesse, ad alto rischio e che hanno assorbito negli anni grosse risorse economiche, militari e del comparto difesa statunitensi. A ciò potrebbe seguire, benché non nell’immediato, un minor dispiego militare ed un conseguente risparmio in dollari.

Ulteriori fattori non di secondo piano si possono ricercare negli accordi commerciali con l’Europa, che diventano sempre più stretti, e, dal punto di vista statunitense, favoriti da un Dollaro molto debole nei confronti dell’Euro, rispetto al quale è deprezzato del 30% circa, che agevola le loro esportazioni. Il rafforzamento di tale legame può essere anche letto come un tentativo di allontanare l’Europa dall’orbita russa, sempre più vicina, e che potrebbe raggiungere la completa indipendenza in ogni settore confidando nella collaborazione con un partner leale ed affidabile come l’Europa.
La flessibilità introdotta nel mondo del lavoro e l’abbassamento del costo della manodopera potrebbero essere viste come una sorta di precarizzazione e peggioramento, ed in parte è vero, ma, se mantenuta solamente per consentire l’uscita definitiva dalla crisi, potrebbe esser stata determinante per combattere la disoccupazione, attualmente al 6% ma che ha come obiettivo prossimo il 5%, e dare un minimo sostentamento e potere d’acquisto ad una fascia sociale altrimenti totalmente a carico della collettività.
Infine le politiche sull’immigrazione hanno consentito di attirare manovalanza poco qualificata ed a basso costo, ma anche e soprattutto i talenti e l’elite studentesca, inclusa la futura classe dirigente cinese che si forma nelle più prestigiose università americane per poi tornare in patria, testimoniando un processo organizzato e funzionale di creazione di manager e di successione alla leadership ignoto in Italia, avendo padronanza delle due lingue mondiali (cinese ed inglese) e soprattutto con una nuova prospettiva del mondo, che grazie al connubio degli approcci orientali d occidentali, intesi dalla cultura, scienza e tecnologia, alla gestione ed amministrazione aziendale, risulta davvero arricchita e pronta alla globalizzazione.
Questa elite, benché in parte destinata a tornare in patria, contribuisce in ogni caso a fare innovazione e ricerca di altissimo livello nei migliori istituti dal MIT a Stanford, Yale ed Harvard o aziende (IBM, Google, realtà della Silicon Valley) potendo confidare su un sistema meritocratico relativamente premiante, dove il tentativo è valorizzato anche in caso di un primo fallimento, e su ingenti investimenti pubblici e privati come i venture capital in sostegno alle start up. Importanti risorse sono anche destinate all’High Tech ed alla copertura totale del suolo americano con internet super veloce, Google ha iniziato il cablaggio in fibra di diverse aree, consentendo velocità di 100 volte superiori rispetto alle migliori velocità medie odierne.

Se a quanto detto si associa un regime fiscale favorevole è facile capire perché molte aziende, che delocalizzarono, stiano rientrando negli USA dando vita ad un processo inverso rispetto a quello di desertificazione industriale che sta colpendo il nostro paese, in particolar modo il sud.

Permangono tuttavia situazioni alle quali gli USA dovranno porre rimedio e che sono costate figure magre all’amministrazione Obama. La riforma sanitaria “Obama Care”, minata ulteriormente nell’immagine dalle complicanze occorse nel sito internet, è motivo di scontro sia tra repubblicani e democratici sia con le grandi compagnie assicurative e le associazioni delle multinazionali farmaceutiche; la vicenda dell’ NSA, del datagate ed in generale della sicurezza, molto sentito dai cittadini disposti a cedere parte della loro privacy per standard migliori, alla quale gli USA destineranno miliardi e miliardi di dollari, negli anni venturi incanalati in buona parte verso quello che è il controllo ed il monitoraggio di internet e della rete (cybersecurity, cyberwarfare, cyber-espionage) ed alle nuovissime tecnologie applicate in ambito militare; altro punto scottante è il rapporto con la Russia che sta vedendo l’acuirsi di tensioni forti sia a livello mediatico e propagandistico (ad esempio la rappresentante USA alle Olimpiadi invernali di Sochi sarà la ex Tennista, ma anche icona dei movimenti Gay, Billie Jean King; contemporaneamente però Putin da segni di clemenza concedendo alcune grazie e mostrando segni di apertura all’omosessualità ed all’opposizione politica) sia in termini di spiegamenti di forze belliche; l’ultimo elemento, già menzionato, sono gli accordi per evitare a febbraio il fiscal cliff che, nonostante sia impensabile non vengano raggiunti, possono creare squilibri e comportare incertezze e ripercussioni economiche.

Se gli USA sapranno affrontare intelligentemente queste “minacce” ci sono buoni presupposti affinché il prossimo decennio sia caratterizzato, assieme alla continua ascesa di potenze come Cina ed India, da un importante dominio economico a stelle e strisce.

29/12/2013
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale