Archivi tag: Romano Prodi

Telecom: Stato e cordata, ma di cosa stiamo parlando?

Oggi a Bruxelles verrà presentato ufficialmente il rapporto sulla competitività nell’ Unione Europea.

L’Italia cala di posizione, ponendosi alle spalle di Grecia e Spagna, le cause principali per questa retrocessione sono le problematiche occupazionali, il costo del lavoro e dell’energia, la de-industrializzazione ed in generale l’assenza di una politica industriale lungimirante (non fa eccezione il settore delle TLC), investimenti in R&D ed un adeguato affiancamento all’ attuale classe dirigente di giovani per formare i nuovi manager. Come al solito questa classifiche lasciano un po’ il tempo che trovano, e non sempre rispecchiano le reali condizioni socio-economiche del paese, ma indiscutibilmente un peggioramento c’è stato ed è sensibilmente percettibile.

Detto ciò passiamo alla vicenda Telecom. Telecom è detenuta per il 22% (la maggioranza) dalla società Telco, nella quale la quota della spagnola Telefonica salirà prima al 60 (al 2014 diventando il maggiore azionista di Telecom), poi al 75 fino ad arrivare al 100%. Telefonica pagherà ogni azione 1.09 € a fronte di un prezzo di mercato di circa 0.6 €.

Tra i problemi spesso citati che affliggono le nostre aziende ci sono la dimensione contenuta ed il basso potere di penetrazione, anche per settori di eccellenza, nei mercati esteri a causa di carenze di filiera distributiva, che le taglia fuori dal contesto globale dove solo i big player possono competere. A testimonianza di questa tendenza ci sono un’enorme quantità di operazioni di acquisizione da parte dei cinesi in mezzo mondo (dal Canada agli Usa), in particolare nei settori energetici, minerari, siderurgici, Oil&Gas (senza menzionare il land grabbing) in alcuni casi impediti dai governi, la recente fusione Microsoft-Nokia, per rimanere nel campo dei servizi e della telefonia ne è un altro esempio, come l’interesse di AT&T per l’olandese KPN. L’unione tra Telefonica e Telecom potrebbe creare nuove possibilità di sviluppo e di competizione con altri big players.

Le critiche all’operazione ovviamente non mancano, viene citato il sentimento patriottico di mantenere in mani italiane una realtà come Telecom. Quando la Telecom stessa fu privatizzata passando ad imprenditori italiani le conseguenze non furono le migliori (attualmente Telecom detiene un debito stimato di circa 44 miliardi di €), lo stesso Letta da New York, ha definito l’operazione come un caso di privatizzazione finito non particolarmente bene.

Passando poi ad un’altra vicenda, quella dell’Alitalia la situazione non migliora affatto. Due anni fa quando i problemi della compagnia aerea non poterono più essere gestiti, si arrivò alla necessità della vendita. Air France si dimostrò interessata mettendo sul piatto approssimativamente 2 miliardi di € per acquistare l’intera società, sia utili che debiti, tra i sostenitori di questa operazione vi era Romano Prodi. In nome dell’italianità però si preferì cedere Alitalia ad una cordata di imprenditori con il vincolo di mantenere le quote per almeno due anni. La cordata si aggiudico solo gli utili, in quanto la bad company creata per far confluire i debiti societari dovette essere rilevata dallo stato italiano tramite CdP e Tesoro. Ora a distanza di due anni la situazione dell’Alitalia, quella parte buona in mano agli imprenditori, rimane critica e torna l’ipotesi Air France che però stavolta è disposta a pagare una somma ben inferiore e non ha intenzione di accollarsi anche i debiti. Quella dell’Alitalia tra l’altro è una vicenda con radici antiche che portarono ad una scissione in bad e good company ben prima di due anni fa, con conseguenti esuberi di personale, modifica dei contratti applicati ecc.

Se le mani degli italiani chiamati in ballo sono quelle presentate credo che tutti conveniamo nell’auspicare un intervento esterno.

Altre ipotesi sono quelle di un intervento dello Stato. Il governo in questo frangente non può permettersi spese, è a corto di coperture ed ha avviato un piano, Destinazione Italia, per attrarre investimenti e capitali esteri ed incentivare aziende straniere a venire nel nostro paese, che proprio in questi giorni è presentato alla comunità economico finanziaria mondiale da Enrico Letta, oggi a New York. Come è pensabile dunque un intervento centrale in questo frangente che vede la tendenza a cercare patrimoni fuori dai confini per carenza di denaro e per instaurare partnership e JV importanti?

Alcuni avanzano la possibilità di utilizzare i soldi destinati alla TAV, ma questi non sono già stati parzialmente usati per rifinanziare la CIG? Inoltre la TAV ricordiamo essere un progetto europeo nel quale è bene non prendere decisioni unilaterali, ma confrontarsi con tutti gli attori interessati.

Il punto è che in Italia non è stata sviluppata dai governi che si sono succeduti una politica industriale di lungo termine anche nei settori strategici come energia e TLC, ma, seguendo le logiche finanziarie,  è stato preferito un approccio “day by day” che non crea profitto e crescita durevole. Lo Stato ha avviato processi di privatizzazione spingendo per il libero mercato in tutti i settori (TLC, Siderurgia, Gas, Energia) e le mani degli italiani nelle grandi operazioni non sono state un manna, anzi hanno spesso perseguito il profitto a scapito dell’azienda stessa, dei lavoratori e del sistema economico italiano in generale. Paura di investitori esteri? Parafrasando un noto conduttore radiofonico,ma di che cosa stiamo parlando? Non si possono prendere decisioni aziendali importanti spinti da sentimenti fulminei o con una logica propagandistica.

Ovviamente non si deve prendere tutto con “leggerezza”, le TLC sono e sempre più saranno un elemento strategico, in particolare pensando alle città ed ai servizi del futuro. Tutte le informazioni circoleranno grazie alle TLC e tutte quelle aziende, come le aziende energetiche e le utilities a partire da ENEL, ENI, A2A, Hera, Iren ecc, che per rimanere competitive dovranno aggiungere al loro core business anche la fornitura di servizi al cittadino e, ed è il caso delle utilities, gestire efficientemente le smart cities e le smart grid, non potranno prescindere dalla telecomunicazione e quindi alleanze (o perché no acquisizioni) con aziende fornitrici di servizi TLC e/o proprietari di assets importanti come la rete, saranno in un futuro vicinissimo, sempre più rilevanti e necessarie.

L’acquisizione di Telecom da parte di Telefonica è un operazione tra privati, ma il Governo italiano dovrebbe, come fatto da Obama con la Fiat-Chrysler, richiedere agli spagnoli adeguati investimenti in innovazione, la protezione dei posti di lavoro evitando processi di delocalizzazione (molti servizi informatici, di telecomunicazioni o di customer service spesso vengono de localizzati in India), mantenere e migliorare gli standard di QoS, garantire che le partecipazioni di Telecom in Sud America (unico vero mercato redditizio per Telecom) vengano gestiti nel migliore dei modi, inserendo, in caso di non rispetto degli accordi, delle penalità.

Per concludere c’è poi da dire che il rapporto Italia-Spagna  è sempre stato molto stretto, l’operazione ENEL Endesa, che ha portato il colosso italiano a diventare possessore della Utility spagnola, è stata un’operazione molto interessante che ha aperto il mercato sud americano, attualmente in forte crescita contrariamente a quanto sta accadendo in Europa, all’azienda italiana, ed è in corso un grande processo molto gradito ai mercati di integrazione tra le due utilities volto ad una governance comune all’insegna dell’efficienza e del taglio degli costi superflui.

25/09/2013
Valentino Angeletti
LinkedIn: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Verso l’Europa dei popoli

Tra vicende politiche e giudiziarie nazionali si torna a parlare di Europa. Lo fa il Premier Letta in un’intervista al sussidiario.net prima di intervenire al Meeting di Rimini, ove comunque ha ripetuto i concetti, e lo fa il Sole 24 ore nel seguente articolo:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-08-18/leuropa-ricostruita-meno-egoismo-160223.shtml

Benché il tema sia affrontato da angolazioni differenti la sostanza condivisa è che l’attuale modello di Europa sarebbe da rivedere perché da un lato distorto in partenza da un modello economico, finanziario e monetario probabilmente errato o troppo precipitoso dall’altro da una unione fragile, guidata da particolarismi ed interessi locali invece che da collaborazione e sinergia tra popoli al fine di arricchirsi vicendevolmente e competere a livello globale. La marcata austerità che ha dominato negli ultimi anni può non essere più quel baluardo assolutamente da non mettersi in discussione, del resto i Paesi Bassi, primi sostenitori dell’austerity ad ogni costo, non sono protagonisti della ripresa economica, il PIL è calato in nel secondo trimestre del 2013 dello 0.2%, proprio come l’Italia  e le previsioni per l’anno in corso fanno segnare un -1.8%. In Germania il Cancelliere Merkel continua sulla sua linea dura, sostenendo che gli interventi in Grecia sono stati tempestivi ed adeguati, ma ovviamente ciò è parte della campagna elettorale in vista delle elezioni politiche di settembre che saranno una sfida serrata tra SPD e CDU tanto che il Primo Ministro tedesco non esclude una nuova grande coalizione. Dopo le elezioni forse, si spera, ci sarà spazio per mutazioni di pensiero, visto che anche in Germania sta cominciando a prendere piede l’idea che la pur forte e solida nazione teutonica senza un’altrettanto forte e coesa Europa alle spalle, difficilmente riuscirà a competere nei mercati e nell’economia globale.

Di certo c’è che attualmente l’Europa risulta ancora divisa e distante per quel che riguarda troppe questioni importanti, menzionate più e più volte, su cui si dovrebbe intervenire rapidamente. Giusto per aggiungere un ennesimo esempio si riporta il grafico degli stipendi medi nei vari paesi della EU. Come si può vedere la classica giustificazione del costo della vita non può essere addotta (la Grecia o la Spagna non hanno un costo della vita maggiore dell’Italia, e Berlino non è più cara di Roma o Milano, ma un giovane laureato italiano una vita autonoma e dignitosa a Roma o Milano non può permettersela, un collega tedesco a Berlino invece sì). Inoltre, relativamente al nostro paese a penalizzare c’è l’altissimo costo del lavoro e l’enorme differenza tra i redditi più alti e quelli più bassi i quali spesso non raggiungono il livello medio riportato in figura, tanto che per molti, troppi, 23’406€ rappresentano un sogno.

Stipendi medi in EU

Stipendi medi in EU

Il punto chiave per avviare, sperando in una positiva conclusione, il processo di creazione di quell’unione di popoli e culture in mente ai fondatori della EU, a Romano Prodi, ad Enrico Letta ed al Presidente Giorgio Napolitano è che coloro che hanno privilegi e beneficiano, anche meritatamente, di situazioni favorevoli decidano di rinunciare a qualche loro vantaggio immediato per il bene dell’unione, che pagherà sicuramente, con gli interessi, in futuro.

La stessa cosa, a livello nazionale, dovrebbe valere per quel fenomeno vizioso chiamato “scontro generazionale” da mutarsi in “collaborazione generazionale”. Chi ha più privilegi dovrebbe comprendere che per riequilibrare una società altamente disuguale, insostenibile e perdente è necessario cederne una parte in favore dei meno fortunati, tipicamente giovani; allo stesso modo i più validi manager e dirigenti di esperienza dovrebbero impegnarsi, con il sostegno istituzionale, a formare i giovani e la nuova classe manageriale, disposta ad imparare e mettersi in gioco con ambizione ma senza supponenza e superbia, che attualmente non è presente, ma della quale il paese ha fortissimo ed immediato bisogno.

Solo con questo spirito collaborativo, di grande sinergia ed intesa si potrà rinnovare e riformare ciò che al momento non è palesemente vincente.

18/08/2013
Valentino Angeletti
LinkedIn: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Economie in via di sviluppo: i nuovi mercati emergenti

Lo scenario economico mondiale sta mutando, ormai è ben noto. La centralità economica è passata dall’Europa agli USA ed ora si sta rapidamente dirigendo verso l’estremo oriente, con China ed India che fanno da traino più consistente. In ottica futura però, quali sono le parti del globo che una Multinazionale intenzionata ad investire ed ampliare il proprio business dovrebbe monitorare? La Figura 1 può dare una idea.

Figura 1. Previsione della crescita del GDP (PIL) per il 2013

Figura 1. Previsione della crescita del GDP (PIL) per il 2013

Immediatamente si nota come ad avere crescita negativa, oltre all’Iraq, siano solamente alcuni stati del vecchio continente, tra cui Francia, Italia, Spagna, Portogallo e Grecia.

Il tasso di crescita della Cina rimane ben oltre il 6% nonostante abbia subito una battuta d’arresto dovuta in parte alla crisi globale che ha colpito le sue esportazioni.

Il Sud America cresce a ritmi costanti, ma anche in tal caso si è verificato un rallentamento nel tasso di crescita del Brasile il quale, benché andrà ad ospitare importanti eventi (Olimpiadi e Mondiali di calcio) che fanno da traino alla crescite economica ed agli investimenti, sta vivendo momenti di tensione interna politica e sociale non trascurabile.

Il dato più importante però riguarda l’ Africa (cartina politica in Figura 2). I tassi di crescita di alcuni stati del “Continente Nero” sono ragguardevoli (gli stati a maggior tasso di crescita sono rappresentati in Figura 3). Vero è che il tasso di crescita non può prescindere dal valore assoluto del GDP che per alcuni stati africani è talmente basso che sono sufficienti relativamente pochi investimenti per fa impennare il tasso di crescita. In ogni caso è significativo ad indicare  quali, con buone probabilità, saranno in un futuro non troppo lontano le economie emergenti. L’Africa complessivamente, secondo l’IMF, crescerà costantemente di qui al 2025 di poco più del 4% all’anno ed è il continente che nel medio – lungo periodo ha tassi di crescita più elevati seconda solo ad alcune economia asiatiche in via di sviluppo. Gli stati che già ora crescono a ritmi oltre il 6% supereranno abbondantemente il 4% medio dell’intero continente. L’Africa è certamente ricca di insidie e contraddizioni tra le quali l’enorme disuguaglianza, la classe dirigente corrotta e militarizzata, l’insicurezza e l’assenza di rispetto dei diritti umani, l’instabilità politica e la guerriglia, in alcuni casi la fame, la siccità e l’assenza di infrastrutture ed elettrificazione, ma è ricca di risorse naturali e minerarie ed il fenomeno del “Land Grabbing” ,del quale la Cina è la massima esponente, testimonia le potenzialità africane.

Figura 2. Mappa politica dell’Africa

Figura 2. Mappa politica dell’Africa

Figura 3. Tasso (%) di crescita del GDP per il 2013

Figura 3. Tasso (%) di crescita del GDP per il 2013

In un momento come quello attuale il portfolio investimenti di qualsiasi grande azienda deve essere diversificato sia per produzione, anche rimanendo nello stesso settore merceologico (tecnologie produttive e bacini di utenti differenti ecc), sia geograficamente. Sempre più difficoltà avranno le compagnie che punteranno a mercati limitati o solamente interni. Per l’Europa in particolar modo l’export dovrà essere dominante.

Una Multinazionale, una tra le poche, che avesse possibilità di investire nei periodi di difficoltà, oltre a consolidare ed incrementare la presenza nelle economie ex emergenti ed ora a pieno titolo realtà come la Cina ed Emirati e in misura minore il India o Sud America, guardando principalmente al futuro non dovrebbe mancare di essere presente, inizialmente anche solo come presidio in modo da individuare tempestivamente opportunità di business,  nella zona africana ed in particolare in quegli stati che stanno già crescendo a ritmi “cinesi”.

In Nigeria ad esempio, oltre alle compagnie petrolifere, sono già presenti numerose imprese edili europee ed italiane. Il settore edile è quello che funge da precursore allo sviluppo andando a creare le infrastrutture necessarie ad ogni attività, immediatamente dopo vengono il settore dei trasporti e quello energetico, elettrico in particolar modo.

Proprio per il continente africano l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha in programma importanti piani di investimento e sviluppo in collaborazione con Governi ed aziende private. Il fine dell’ONU è quello etico e morale di arginare la povertà in quelle zone, come il sub sahariano Sahel, che rimangono in assoluto tra le più povere della terra. Le priorità individuate dall’ONU e dal suo rappresentante Romano Prodi sono la lotta a guerre e guerriglie, alla fame ed alla siccità, la costruzione di infrastrutture e vie di comunicazione e l’accesso all’energia.  Tutto ciò con lo scopo di creare micro e piccole economie anche di dimensioni domestiche. Questi propositi, in particolar modo quello dell’accesso alla risorsa elettrica con il programma “Energy for all” è totalmente condiviso ed indicato come prioritario anche dalla World Bank.

Altamente probabile che dopo gli anni asiatici assisteremo ad anni in cui una protagonista sarà l’Africa e chi avrà anticipato il trend, valutandone correttamente rischi ed opportunità, ne saprà sicuramente trarre vantaggio.

21/07/2013

Valentino Angeletti

LinkedIn: Valentino Angeletti

Twitter: @Angeletti_Vale