Alitalia-Cai verso la creazione di una nuova Bad Company?

Stando a quanto si legge, il Messaggero vi dedica la prima pagina, nei piani Alitalia – Etihad vi sarebbe la creazione di una compagnia sana posseduta al 51% da CAI ed al 49% da Etihad in cui far convergere le attività profittevoli, il vero business, mentre in una bad company sarebbero convogliati i debiti e gli esuberi di personale.

In sostanza, dopo che nel 2009 venne creata la good company CAI dei Capitani Coraggiosi a tutela dell’italianità del gruppo e la bad company in carico al pubblico, ora la CAI viene a sua volta smantellata in una bad company ed una good company.

La CAI quindi è partita come azienda sana e ripulita dalle attività deteriorate ed è arrivata a perdere centinaia di migliaia di euro al giorno seguendo piani industriali e strategici rivelatesi perdenti, senza neppure analizzare le modalità operative dei concorrenti europei che avrebbero consigliato ben altre azioni; non c’è bisogno di giudicare ulteriormente.

I dettagli, in particolare riguardo le modalità e l’ammontare della rinegoziazione del debito con gli istituti di credito che Etiahd vorrebbe almeno del 50% (di 565 milioni di €), sono ancora tutti da definire essendo le trattative tra Alitalia e banche (Intesa, Unicredit, Popolare di Sondrio, MPS) in corso, e quelle tra la compagnia aerea italiana e quella araba previste per lunedì.

La domanda che sorge spontanea è: chi dovrà accollarsi le spese della bad company?

Forse la CAI, che non ha brillato in quanto a gestione, oppure nuovamente il pubblico?

Quando si usa l’espressione “bad company” in genere è il pubblico che “elargisce” praticamente senza ritorno alcuno; in tal caso sarebbe la terza volta, decisamente un fallimento, non solo per la gestione della stessa Alitalia, ma anche per la politica industriale totalmente latitante.

Link correlati:
Etihad-Alitalia; Alstom-GE, Siemens: la differente azione dei Governi – 30/04/2014
Lucchini, Alitalia e la grande industria – 26/04/2014
Le contraddizioni che non sfuggono agli investitori – 28/09/2013
Buoni propositi in USA già infranti in Italia – 28/09/2013
Telecom: Stato e cordata, ma di cosa stiamo parlando? – 25/09/2013

Termini Imerese e Mastrapasqua: ritardi cronici ed endemica perdita di denaro e competitività – 02/02/2014

Letta, Squinzi ed il tempo già scaduto da molto – 04/02/2014

 

03/05/2014
Valentino Angeletti
LinkedIn, Facebook: Valentino Angeletti
Twitter: @Angeletti_Vale

Annunci

Una Risposta

  1. […] alcuni link su Alitalia: Alitalia-Cai verso la creazione di una nuova Bad Company? 03-05-14 Etihad-Alitalia; Alstom-GE, Siemens: la differente azione dei Governi 30-04-14 Lucchini, Alitalia e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: